Mobilità sostenibile, i nativi digitali sono multimodali

Mobilità sostenibile, i nativi digitali sono multimodali

08 Marzo 2021 0 Di Andrea Fontana

Uno studio di Fondazione Solar impulse sulla mobilità di domani dimostra che la generazione Z è già multimodale.

Ambiente, il green washing è un problema diffuso

Abbiamo parlato del green-washing e abbiamo raccontato di come per Eni sia diventato un mantra comunicativo. Il problema non è soltanto italiano, ma globale.

In un articolo dettagliato, The Guardian il 3 marzo scorso sottolinea come “tutto ciò che le principali compagnie petrolifere hanno fatto (con il tacito supporto di molti governi) è stato spostare la loro narrativa pubblica sulla crisi climatica dalla negazione all’illusione. Non insistono più che non c’è problema, perché hanno perso quell’argomento. “Net zero” è il loro tentativo di continuare l’attività come al solito senza rivolgere ciò che stanno facendo alle persone e al pianeta”.

Il titolo spiega bene il concetto: le compagnie petrolifere globali si sono impegnate a ridurre le emissioni nette. È una finzione. Il sommario rincara la dose: L’industria energetica è come un fumatore che passa da un pacchetto al giorno a due, ma afferma di smettere perché è passato alle sigarette con filtro.

“Vorrebbero farci credere che piantando alberi e utilizzando tecnologie di cattura del carbonio in gran parte non provate, costose e finora inefficienti, possono raggiungere lo “zero netto” e risolvere la crisi climatica, il tutto continuando a far crescere la produzione di combustibili fossili. Questo argomento è delirante e basato su una cattiva scienza”.

Questo il link all’articolo originale: https://www.theguardian.com/commentisfree/2021/mar/03/global-oil-companies-have-committed-to-net-zero-emissions-its-a-sham.

Come si contrasta il potere mediatico di simili colossi? Come spesso accade, se non si hanno idee, una buona pratica è prendere spunto da chi ha dimostrato di avere capacità e visioni chiare.

Solar Impulse dimostra che la mobilità può rispettare l’ambiente

Qualcuno ricorda Solar Impulse, l’aereo alimentato esclusivamente da energia solare che ha completato il giro del Mondo?

Bertrand Piccard e André Borschberg, dopo aver smentito le previsioni negative di molti inguaribili scettici, hanno promosso in Svizzera il piano energetico che ha sancito l’uscita dal nucleare e oggi Solar Impulse è anche una fondazione che sta promuovendo mille soluzioni efficienti per una crescita economica pulita.

Soluzioni n grado di proteggere l’ambiente in modo redditizio e portarle ai decisori per aiutarli ad adottare obiettivi ambientali e politiche energetiche più ambiziosi.

Sì, perché Bertrand Piccard, contrariamente a quanto sostenuto per anni dalla maggioranza degli ambientalisti, è sempre stato convinto che la soluzione del cambiamento climatico – piuttosto che un problema costoso – è una fantastica opportunità di mercato.

Bertrand non perde occasione per evidenziare l’assurdità dei dispositivi e dei sistemi obsoleti e inquinanti che stiamo ancora utilizzando e promuovere i vantaggi delle tecnologie efficienti già esistenti per motivare i governi e le industrie ad agire.

“La protezione dell’ambiente diventerebbe una realtà solo se fosse percepita come economicamente sostenibile e non richiedesse sacrifici finanziari o comportamentali. Oggi esistono soluzioni efficienti che possono stimolare la crescita economica, riducendo allo stesso tempo il nostro impatto sul pianeta”, ama ripetere.

Una delle prime azioni della fondazione Solar Impulse è stata quella di promuovere uno studio per capire le abitudini di mobilità dei giovani di età compresa tra 18 e 34 anni residenti nelle aree urbane europee e del Nord America.

Lo studio avviato nel 2019 è stato ripetuto su un campione ridotto nell’autunno 2020 per capire come i giovani vedono il loro stile di vita e mobilità in un mondo post-COVID.

Europa (Parigi, Nantes e Madrid) e Nord America, forniscono approfondimenti da due aree geografiche in cui il ruolo delle automobili è molto diverso.

In un trend book la mobilità di domani e le nuove generazioni

I risultati di questa indagine qualitativa sono stati riassunti in un trend book, che fornisce alcune chiavi per comprendere meglio le sfide della mobilità di domani viste dalle giovani generazioni.

Ne sono emerse QUATTRO importanti intuizioni:

  1. GEN Z è più pragmatico che idealista. La prima generazione veramente multimodale: Impegnati, ma non utopici, i giovani intervistati cercano prima di tutto di soddisfare le loro esigenze in termini di convenienza e costo. Quindi apprezzano naturalmente i modi di trasporto che inquinano meno e sono più inclusivi. Tuttavia, rimangono attaccati all’idea di possedere un’auto come le generazioni precedenti, a condizione che sia pulita.
  2. Questi nativi digitali sono la prima generazione ad abbracciare completamente la multimodalità. Vogliono tutti i mezzi di trasporto. Hanno la mentalità appropriata, un facile accesso a vari modi di trasporto, l’agilità di scegliere quello giusto per l’occasione giusta e la volontà di cambiare le regole del gioco. COVID ha ostacolato la mobilità. Ma ha anche accelerato tendenze come la mobilità scelta, l’uso della bicicletta, il camminare e le auto pulite I riflessi protettivi emersi con COVID hanno evidenziato un ritorno alle modalità di trasporto individuali e una crescente sfiducia nei confronti del trasporto pubblico. Ma COVID è stato anche un acceleratore di tendenze con un aumento dell’uso della bicicletta e della camminata. Preferiscono un’attività fisica all’aperto perché economica e sostenibile con benefici per la sicurezza e la salute. Al di là dei mezzi di trasporto, la pandemia ha accelerato la transizione verso un tipo di mobilità meno costrittiva e più volontaria. Ciò significa riconsiderare se è necessario andare in ufficio ogni giorno, limitare i viaggi non necessari – quindi adattare le modalità di trasporto – e vivere più a livello locale.
  3. Questa generazione vuole cambiare le cose, senza rinunciare alla nozione di piacere. I giovani di 18-34 anni sono favorevoli a una vita entro un raggio di 15 minuti dalla loro casa. Ma vogliono ancora scoprire il mondo, in un modo diverso, mettendo in discussione la necessità di ogni viaggio, COVID ha fortemente influenzato la mobilità quotidiana. Questi giovani abitanti delle città vogliono liberarsi dai vincoli della mobilità mattutina e serale, trovare uno stile di vita da villaggio nel loro quartiere ed essere in grado di organizzare la loro vita quotidiana entro un raggio di 15 minuti dalla loro casa . Questa è un’opportunità per concentrarsi su modalità di trasporto salutari e sfruttare l’opportunità di lavorare da casa. Nella loro mobilità, come nel loro stile di vita, le nozioni di piacere e significato rimangono fondamentali. È con la stessa mentalità che prendono in considerazione i viaggi a lunga distanza e vogliono continuare a viaggiare per scoprire il mondo. La loro mentalità sostenibile li porterà a viaggiare meno spesso, ma per viaggi più lunghi. Immaginano “viaggi ibridi” dove lavoro e turismo sono utilmente mescolati e goduti.
  4. I giovani si aspettano molto dalle autorità pubbliche, dalle città e dalle aziende per agire insieme e accelerare il cambiamento. Questa generazione è pronta a fare molti cambiamenti nel modo in cui utilizza la mobilità. Ma quando si tratta di infrastrutture, innovazione, pianificazione urbana e sicurezza, si sentono impotenti ad agire. Si aspettano che gli stakeholder pubblici e privati si mobilitino e li ascoltino. Le aspettative sono diverse in Europa e Nord America con maggiore sfiducia in Europa, e in particolare in Francia, sull’uso dei dati personali e sulla scelta degli operatori.

Su entrambe le sponde dell’Atlantico, i giovani si aspettano che i datori di lavoro siano coinvolti e promuovano un diverso tipo di mobilità per i loro team, inclusi sussidi, lavoro da casa e infrastrutture condivise.

Questa generazione vuole essere parte del cambiamento e utilizzerà tutta la sua influenza per far accadere le cose come cittadini, dipendenti, clienti e utenti della mobilità.

Qui il report completo MovinOn_Mobility_Survey_Kantar.