Napoli, con Gattuso si chiude la deprimente Era Ancelotti

Napoli, con Gattuso si chiude la deprimente Era Ancelotti

12 Dicembre 2019 0 Di Marino Marquardt

Dal momento che peggio di Carlo Ancelotti non potrà fare, Rino Gattuso inizierà la nuova avventura alla guida del Napoli avendo nulla da perdere.

Inoltre – sotto il profilo ambientale – questo del Ringhio Nazionale sarà un cammino privo di ostacoli “ideologici” in quanto l’esonero di Ancelotti ha chiuso l’Era Post-Sarriana, Era durante la quale Malpancisti, Esteti e Nostalgici della Grande Bellezza forgiata dal Maestro con la Tuta nulla hanno perdonato al Successore dal Prestigioso Palmares.

Con Gattuso in panchina si chiude la deprimente stagione Ancelottiana.

E i giudizi dei tifosi sull’operato del Nuovo Allenatore – per forza di cose – dovranno fare riferimento esclusivamente ai risultati della precedente gestione Padre & Figlio non avendo il Nuovo Allenatore alcuna responsabilità nella rottura del Giocatolo Sarriano.

Detto papale papale, per Gattuso, insomma, si tratterà di gestire una eredità per nulla impegnativa, un lascito non oneroso come fu quello che toccò un anno e mezzo fa al Pluridecorato Mister Carletto.

Detto ciò, è evidente come Carlo Ancelotti non sia allenatore adeguato all’evoluzione del Calcio registrata negli ultimi anni.

Ed è quanto confermerebbero anche i recenti consecutivi naufragi con annessi esoneri registrati alla guida del Real Madrid, del Bayern e del Napoli.

Un filotto di insuccessi che dovrebbe far riflettere gli irriducibili Adoratori del Mito…

Ps. Avviso agli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dalla scrittura corrente sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. Amen!

11/12/2019 h.07.00