Palazzi & poltrone, ieri su Rai3 e La7 serata di leccornie politiche all’arsenico

Palazzi & poltrone, ieri su Rai3 e La7 serata di leccornie politiche all’arsenico

21 Marzo 2018 0 Di Marino Marquardt

Palazzi & Poltrone, su Rai3 l’innocente Martina sostiene la necessaria ricostruzione del Pd; su La7 Scalfari accusa Leu per la sconfitta di Renzi. Bravo Bersani che risponde a stetto giro.

Rai3 e La7, ieri serata di leccornie politiche all’arsenico

Quando la politica dai salotti mediatici entra nelle case… Serata tv, quella di ieri, all’insegna delle leccornie di Palazzi & Poltrone. Sono quelle offerte da Raitre con “Cartabianca” di Bianca Berlinguer e da La7 con “diMartedì” di Giovanni Floris.

Deprimente, a tratti ridicolo, a tratti penoso, a tratti irritante Maurizio Martina quando alla Berlinguer spiega la necessità di ricostruire il Pd.

Come se Lui in questi anni fosse stato ai Caraibi, come se Lui non fosse stato uno dei silenti sostenitori delle politiche renziane, come se Lui e quanti come Lui non fossero stati corresponsabili delle devastazioni prodotte dalle scelte dell’ex Capo Scout oggi Senatore. Roba da matti.

Qui la puntata di #Cartabianca di ieri:

https://www.raiplay.it/video/2018/03/cartabianca-1247ccca-7c2f-4d62-9355-cc2a12ec2be7.html
Da un canale all’altro, ed ecco sulla poltrona di vimini dello studio di Floris Eugenio Scalfari, l’ormai incartapecorito trombone di Repubblica. Inconcludente tra nuove capriole dialettiche. Chiude la triste esibizione con un duro attacco a Pierluigi Bersani.

“Dovrebbe scusarsi per essere uscito da Pd”, tuona.

Quasi a voler dire che Costui sia stato la causa principale della sconfitta del suo figlioccio di Rignano.

Parole in libertà a discolpa dei danni sociali provocati da Matteo Renzi e dai tromboni come Lui ciechi di fronte alla incapacità politica e alla inadeguatezza culturale e caratteriale del Giovanotto e da sempre genuflessi all’Establishment e alle Elité. “sinistri” orpelli dei relativi salotti.

Ecco il video dell’intervista a Scalfari:

Dallo sfiatato Trombone alla dura replica in diretta e a stretto giro di Bersani. Mai visto così furioso e determinato il Leader di Mdp-Art1.

Niente allegre e divertenti metafore, Bersani usa le parole come cazzotti. E malmena Scalfari.

“Ma veramente pensa che abbiamo tolto voti al Pd? Veramente pensa che – se non ci fosse stata Leu – avrebbero votato Pd quelli che hanno votato per noi? Piuttosto dovrebbero scusarsi quanti hanno ridotto il Partito nelle attuali condizioni!”.

E qui la bordata da k.o.

“Dovrebbero scusarsi tutti, e quando dico tutti mi riferisco all’insieme che ha sostenuto Matteo Renzi”.

Tradotto per il volgo: dovrebbero scusarsi anche giornaloni e giornaletti, tromboni e trombette dell’informazione fino ad ieri genuflessi di fronte all’arroganza e alla incapacità politica del Giovanotto da bar dello sport della provincia toscana.

Bravo Bersani, finalmente ne ha cantate quattro a ruota libera!