“Pets-Vita da Animali”, scatenata commedia a quattro zampe

“Pets-Vita da Animali”, scatenata commedia a quattro zampe

20 Settembre 2016 0 Di Francesca Pierpaoli

Presentato al Festival di Venezia, il 6 ottobre arriva nelle sale Pets-Vita da animali, l’ultima fatica dei creatori di Cattivissimo Me e Lorax

Pets, animali scatenati e risate garantite

Pets-Vita da animali segna il ritorno alla regia di Chris Renaud, cofondatore dell’Illumination Entertainment col producer Chris Meledandri. Cosa fanno gli animali quando i proprietari non sono in casa? Partendo da questa semplice domanda si sviluppa la trama, semplice e forse prevedibile, del film. Ma nulla è come sembra e gli animali rivelano aspetti inauditi ed esilaranti. Scopriamo infatti che la gatta obesa Chloe adora vuotare il frigorifero di nascosto, che il barboncino super chich Leonardo ama ascoltare musica heavy metal, che il pappagallino Pisellino sogna di volare alto sulla città e che il bassotto Buddy escogita numerosi modi per coccolarsi da solo. C’è anche una cavia che gira per le tubature dell’aria in cerca della sua tana. Max, invece, un terrier viziato e abituato ad avere le attenzioni della padroncina tutte per sé, adora stare dietro la porta ad aspettare il rientro di Katie, anche se non disdegna una chiacchierata con i suoi amici e vicini degli altri piani del palazzo. Soprattutto con il batuffolo di pelo bianco Gidget, una bichon tutta pelo soffice, innamorata segretamente di Max.

La svolta avviene quando Katie porta a casa Duke, un gigantesco meticcio dal lungo pelo salvato dal canile, che si impossessa immediatamente della cuccia e della ciotola di Max.

pets_2

Inizia, allora, la guerra per il controllo della casa con conseguenze catastrofiche. Infatti, a furia di litigare i due, durante una passeggiata al parco con un dog sitter distratto, finiscono per perdersi tra le strade di New York, dove vengono attaccati da un branco di gatti randagi, poi catturati dagli accalappiacani e infine salvati da Nevosetto, un bianco coniglietto che di tenero ha solo l’aspetto. Infatti è a capo di una banda di animali abbandonati dai loro padroni che vivono nelle fogne della città, in cerca di vendetta. Come faranno Max e Duke a tornare a casa da Katie? Decisivo sarà l’aiuto di Gidget, che sfodera una grinta senza pari, coinvolgendo anche un falco ed un vecchio Basset Hound disabile nel suo piano di salvataggio.

 

pets_1

Il film è quasi un road movie ambientato per le strade di New York, tra auto, parchi, fogne, e il fiume Hudson. La sceneggiatura di per sé è molto semplice, perché tutto si basa sulle gag, le battute, sul ritmo forsennato, sulle scene mozzafiato a ripetizione. Siamo lontanissimi dalla delicata poesia dei film Pixar, qui sostituita da una comicità travolgente e chiassosa, che comunque riesce nell’intento di far ridere: tanti sketches non sense e scene di azione rocambolesche che di realistico hanno ben poco, risultano comunque irresistibili e ben calibrati grazie anche all’ottima colonna sonora.

Numerose sono inoltre le citazioni e gli omaggi che Pets-Vita da animali fa alla storia del cinema, dalla scena all’interno della fabbrica delle salsicce con la musica di Grease, ai riferimenti sparsi qua e là per tutta la pellicola: Hannibal, Gli Uccelli, A qualcuno piace caldo e persino i Minions. Risulta efficace, infine, l’impiego del 3D, che riesce a conferire maggiore forza alle scene più salienti del film.