Pietrasanta tra arte, cultura e cibo

14 Maggio 2021 0 Di Patrizia Russo

La Versilia è quel lembo di terra incastonato tra il mar Tirreno e le Alpi Apuane; un territorio dai contrasti affascinanti: il mare da una parte, con le lunghe spiagge dorate e le montagne dall’altra che arrivano fino ai 1800 metri. Spesso quando si nomina la Versilia si pensa subito a Viareggio e Forte dei Marmi, certamente la punta di diamante di un territorio che ha molto altro da offrire.

La Versilia, un territorio tutto da esplorare

Oltre agli stabilimenti balneari, discoteche e ristoranti espressione di mondanità raffinata, anche per quanto riguarda l’entroterra questa parte di Toscana gode di un’ottima reputazione. A ridosso delle spiagge, si innalzano le meravigliose colline toscane, che, salendo, si trasformano nelle Alpi Apuane. Le vette sono raggiungibili attraverso sentieri completamente immersi nella natura, spesso percorsi dalle famiglie perché non complicati e accessibili anche ai bambini. A pochi chilometri dalla più famosa e glamour Forte dei Marmi scelta dal turismo facoltoso sempre più arabo e russo, Pietrasanta è maggiormente frequentata da un turismo d’élite, raffinato e cultore dell’arte.

Pietrasanta: una galleria d’arte a cielo aperto

Pietrasanta, cittadina toscana in provincia di Lucca, nota per la lavorazione artistica del marmo e del bronzo, è la capitale artistica della Versilia. Qui sono nati personaggi illustri come il poeta Giosuè Carducci (la sua dimora è oggi un museo) e Padre Eugenio Barsanti, ideatore e costruttore del primo motore a scoppio.

Cittadina elegante e raffinata, punto di ritrovo e di incontro di scultori ed artisti internazionali vale sempre la pena farci una passeggiata. La cultura non manca a questa perla toscana protetta dalle Alpi Apuane. Nel centro storico si contano circa 20 gallerie d’arte frequentate dai maggiori collezionisti del mondo. Alcuni di loro hanno donato opere alla città, facendone un museo d’arte contemporanea a cielo aperto. Basta fare una passeggiata per le sue stradine per imbattersi ne Il Centauro di Mitoraj, nella Memoria di Pietrasanta di Cascella, ne Il Guerriero di Botero e nella Chiave del Sogno di Kan Yasuda.

Splendida e raffinata cittadina

La chiesa della Misericordia, che si trova nel centro storico in via Mazzini, conosciuta anche come Chiesa di San Biagio o Chiesa di Sant’Antonio Abate, apparentemente insignificante dall’esterno, ospita, al suo interno, due dipinti murali, ad opera di Botero, rappresentanti la Porta del Paradiso e la Porta dell’Inferno (1993). A sancire il legame stretto tra Pietrasanta e l’artista colombiano oltre alle numerose donazioni che l’artista ha donato alla città è la nomina a cittadino onorario avvenuta nel 2001.

Molti artisti hanno qui i loro atelier e capita di vederli camminare nella centralissima Piazza Duomo, la cui collegiata, risale al XIV secolo.

Il fulcro della cittadina è Piazza Duomo dove il marmo bianco e splendente della Cattedrale, dedicata a San Martino, riflette tutta la luce di una bella giornata e se si alza gli occhi verso al cielo, colpiscono le antiche mura insieme alla Rocchetta Arringhina che si inerpicano sulla collina. La piazza è una mostra diffusa a cielo aperto, allestita da artisti diversi e in ogni periodo dell’anno. È un piacere, oltre che una scoperta, ogni volta che ci si arriva vedere come è adornata e con quali opere scultoree.

Installazioni in Piazza Duomo | ph. P. Russo/IT24

Una visita da fare è sicuramente quella al Museo dei Bozzetti, che raccoglie le “prove” di realizzazione di opere di vari artisti: qui sono esposti tantissimi esempi di opere d’arte realizzate in vari materiali, e in molti casi di grandi dimensioni. Una scoperta interessante e curiosa nello stesso tempo.

Poco distante dal Duomo si trova il complesso composto dalla Chiesa di Sant’Agostino con il suo caratteristico chiostro. La chiesa, oggi sconsacrata, è uno dei principali edifici gotici della provincia di Lucca è sede di esposizioni d’arte temporanee ad ingresso libero.

Girovagando per il centro storico ci si imbatte nell’Oratorio di San Giacinto, molto semplice all’esterno ma, varcata la soglia, colpisce la fonte battesimale del ‘300 e una serie di affreschi sulla volta e le pareti.

Una città intellettuale caratterizzata, anche, da un’intensa vita notturna

C’è da dire che qui non ci si annoia mai, c’è sempre qualcosa da fare e soprattutto da vedere. Oltre all’arte, Pietrasanta è un posto vivace e divertente anche la sera, rinomata per la ristorazione ed i suoi locali. Il suo incantevole centro storico è cosparso di locali, negozi e botteghe di artigiani, offrendo un connubio perfetto tra cultura, arte e lo star bene!

Lo shopping si fa da Zoe, una boutique in cui oltre ad una selezione di brand celebri, si troveranno molti esordienti, il tutto in spazio accogliente ed elegante per un outfit ricercato e originale.

Pietrasanta è celebre soprattutto per i suoi ristoranti e posti dove prendere il tradizionale aperitivo. Nella grande Piazza tra i diversi locali si trova Irisbar per un drink prima di cena.

Per continuare la serata c’è solo l’imbarazzo della scelta tra il più storico come l’Enoteca Marcucci che continua ad essere un appuntamento fisso dell’Estate, il più cool Filippo, col suo look alla moda e le proposte che spaziano dal tradizionale al contemporaneo, e il nuovo Sementis un locale che alla tradizione culinaria italiana e regionale abbina le “ispirazioni dal mondo” tutto in chiave vegana. Obbligo prenotare un tavolo nel meraviglioso cortile interno: un piccolo giardino segreto illuminato da candele e luci soffuse. Infine, altro posto che resterà nel cuore è Il lunedì dello Studio situato appena fuori dall’area pedonale. Quando si varca il cortile l’effetto wow è garantito. Ci si accomoda in un vero e proprio studio di scultori con soffitti alti, volte e statue, un cortiletto di tavoli in marmo e ferro, lucine e limoni, dove è sempre possibile trovare qualcosa di sfizioso e un buon bicchiere di vino!

Per concludere la serata e per immergersi totalmente nella magica atmosfera del centro storico di Pietrasanta c’è B’Art: arte contemporanea all’interno, con un cortile esterno delizioso e rilassante: cocktail list particolare, ricercata e con soluzioni interessanti.