Editoria indipendente, al via il Pisa Book Festival

11 Novembre 2016 0 Di Miranda Parrini

Dall’11 al 13 novembre il Pisa Book Festival, l’evento più atteso in Toscana. Ospite quest’anno l’Irlanda, che porta al Palazzo dei Congressi sette scrittori e le loro opere.

Pisa Book Festival, salone letterario e dell’editoria indipendente

Brillano i colori nel tripudio di verde e di viola al Palacongressi dell’Università di Pisa,  per l’inaugurazione del Pisa Book Festival, il festival europeo più apprezzato, con 160 editori espositori e oltre 200 eventi, offrendo qui tutte le proprie eccellenze in campo letterario, per favorire una delle contaminazioni culturali più affascinanti e ricche del mondo della letteratura e dell’editoria italiana.

Già il primo giorno la folla di pubblico ha atteso con trepidazione ed entusiasmo l’inaugurazione del Festival, con Catherine Dunne madrina dell’evento che ha letto il suo discorso d’apertura dal titolo “Borders” (confini), con le autorità al taglio del nastro, assieme a Lucia Della Porta, direttrice del festival.

All’inaugurazione sono intervenuti Marco Filippeschi, sindaco di Pisa, Claudio Pugelli, presidente della Fondazione Pisa, Cosimo Bracci Torsi, presidente della Fondazione Palazzo Blu, Federico Papineschi, presidente Rotary Club Galilei Pisa, e Bobby McDonagh, ambasciatore d’Irlanda.

Il primo cittadino ha ribadito la

straordinaria unicità del Pisa Book Festival, che va di pari passo con la grande varietà dell’offerta culturale, molto importante per la città.

Questa sala gremita dimostra che il Pisa Book Festival cresce di anno in anno – afferma Lucia Della Porta –. Forte il legame con le scuole e con il paese che quest’anno ci onoriamo di ospitare: l’Irlanda.

L’ambasciatore McDonagh, nel portare al pubblico del festival i suoi saluti ha ricordato che

l’Irlanda è, sì, un paese piccolo, ma sa essere una superpotenza letteraria.

La grande scrittrice irlandese Catherine Dunne, tra gli altri concetti, nel suo discorso si è soffermata sull’importanza della letteratura nella formazione del senso di identità nazionale. Per superare le divisioni. Di qualsiasi natura.

Gli studenti hanno invaso il Palacongressi, con scolaresche in fila, felici di essere protagonisti dell’evento più atteso dell’anno, sia nell’area del Pisa Book Junior e per incontrare gli autori dei libri che hanno potuto leggere in classe, oppure nel progetto #Leggereascuola, per cui i ragazzi delle scuole superiori intervisteranno gli ospiti del festival sulle opere da loro presentate al Pisabook.

Nei tre giorni dell’evento,  numerose sono le novità che il pubblico può trovare al salone del Pisa Book Festival, sia allo stand dell’editore sia nelle sale del Palazzo dei Congressi dove le presentazioni si susseguono in un fitto calendario.

Grandi ospiti sono previste nel programma di sabato, da Majgull Axelsson a Mauro Corona, Sergio Staino, Shady Hamadi, Marco Malvaldi, Vanni Santoni, Marcello Fois, Chen Jiang Hong e molti altri. Il programma completo a questo link pisabookfestival.it