Home Economia Economia internazionale Qatar, c’è anche l’hand-made in Italy al Heya Arabian Fashion

Qatar, c’è anche l’hand-made in Italy al Heya Arabian Fashion

Le migliori realizzazioni hand-made in Italy, firmate dai migliori artigiani del lusso, sbarcano in Qatar e partecipano alla 13esima edizione dell’Heya Arabian Fashion Exhibition.

Hand-made in Italy in vetrina in Quatar

Il miglior artigianato di lusso, rigorsamente hand-made in Italy me rigorosamente al femminile, sbarca in Quatar: dal 25 al 29 aprile, infatti, una vasta selezione di prodotti artigianali di lusso – abbigliamento ed accessori realizzati da artiste italiane – saranno presenti alla 13esima edizione dell’Heya Arabian Fashion Exhibition.

La partecipazione italiana a questo evento, di particolare rilievo per la moda internazionale nel mondo arabo e ospitato dal Doha Exhibition and Convention Center, è curata da Valeria Mangani, fondatrice di Made in Italy Luxury Artigianale, la piattaforma che ha lo scopo di introdurre le PMI italiane in alcuni mercati esteri, tra cui appunto il mondo arabo.

E in realtà l’invito a partecipare all’evento arriva da importanti esponenti della famiglia reale quatariota, He Sheikha Al Mayassa Bint Hamad Bin al Thani e la sorella Aysha, figlie della proprietaria del brand Valentino, la sceicca Mozah, nonchè sorelle dell’emiro in carica.

È stata proprio la sceicca Aysha, a chiedere a Valeria Mangani di portare l’eccellenza del nostro artigianato di lusso, dedicando un padiglione all’Italia, unico Paese europeo presente all’Heya, parola che tradotta in italiano significa Lei.

La Heya è infatti una fiera tutta la femminile, tanto da essere riservata esclusivamente a partecipanti di sesso femminile, mentre gli uomini e perfino i bambini non sono ammessi.

Scopo di Heya dunque portare alla ribalta donne artigiane ma che vuole essere anche un momento di interscambio, con eventi collaterali.

Il programma prevede infatti presentazione di libri, incontri culturali, sfilate, mentre negli stand è consentita anche la vendita.

“Anche in Qatar le donne che amano il lusso ora ricercano capi unici, personalizzati come quelli che producono le abili mani dei nostri artigiani che saranno presenti dal 25 al 29 aprile 2018 a Doha”, spiega la Mangani.

Tra gli espositori italiani, Giuliana Guiso, la designer che col suo brand emergente Anita Bilardi, realizzerà su richiesta borse su misura con pellami pregiati; Simona Chiaravalle che plasma le collezioni BkiB con la preziosità dei tessuti e il design raffinato anche degli abiti da sera e degli originali kimoni, per l’occasione lancerà il “burkini” made in Italy che unisce la tradizione araba allo stile sartoriale italiano.

Ogni pezzo sarà “unico nel suo genere”, dal momento che il cliente può scegliere il suo tocco finale personalizzato (come iniziali, dimensioni, decorazioni, ecc.). Kristal B sbarcherà in Fiera con i meravigliosi kaftani realizzati con le raffinate sete made in Como.

E ci sarà pure la raffinatissima Maison Vi, un’iconica dèmì-couture degna della più alta innovazione sartoriale, pur conservando la tradizione dei broccati fatti a mano, laminati e chiffon.

“Siamo orgogliosi di essere l’unico paese europeo presente – precisa Valeria Mangani – è un primo passo su un mercato, quello del Qatar che ha un grande potenziale. Intanto stiamo già lavorando per la prossima edizione che si svolgerà a novembre”.

Il Qatar Business Incubator Center e il Ministero del Turismo sono i promotori della manifestazione che ha lo scopo di promuovere l’imprenditoria femminile.

Ecco i numeri di Heya Arabian Fashion Exhibition

L’Heya Arabian Fashion Exhibition è un evento ormai consolidato e rilevante nel panorama espositivo dei Paesi del Golfo. Ecco alcuni numeri per comprenderne la rilevanza.

  • 5 giorni espositivi
  • 5 categorie merceologiche (vestiti, borse, scarpe, gioielli, profumi)
  • 150 stands
  • 4.000 mq
  • 100 brands
  • 13 paesi
  • 8,924 visitatori durante la 12° edizione
  • 82% donne qatarine
  • 41.500.000 persone raggiunt
  • 40.803.680 visualizzazioni raggiunte, pari a un valore di QAR 4.863.022 (1milione di euro).

Ma qual è il profilo tipo delle clienti di Heya? I dati forniti dagli organizzatori e raccolti tra le partecipanti delle edizioni precedenti evidenziano che l’82% dei visitatori locali è composto da donne qatarine. Il 98% di esse intende visitare nuovamente Heya nelle edizioni successive. Il 79% sono clienti abituali, serial shoppers. L’83% sono molto soddisfatte della loro esperienza a Heya.