Questo calcio non ci piace ! La Juventus vince col solito aiutino, a Genova si gioca una partita farlocca

Questo calcio non ci piace ! La Juventus vince col solito aiutino, a Genova si gioca una partita farlocca

11 Novembre 2018 0 Di Marco Martone

La Juventus batte il Milan ma le scelte di Mazzoleni fanno discutere. Per Higuain rigore sbagliato ed espulsione. Il Napoli vince sotto il diluvio di Genova. Malissimo l’Inter sconfitta a Bergamo.

È finita come era ampiamente previsto, con la vittoria della Juventus e con quella mancanza di limpidità e regolarità che fa delle partite dei bianconeri un fil rouge imbarazzante e francamente insopportabile. Diciamolo subito, la Juve è più forte del derelitto Milan di Gattuso ma ancora una volta sulla vittoria della banda Allegri aleggiano macchie e sospetti che non fanno bene al calcio e disgustano chi ancora ci crede in questo sport. L’arbitro Mazzoleni, lo stesso che decise la finale di Supercoppa di Pechino, prima nega un rigore netto ai rossoneri, concesso solo con l’ausilio del Var, poi si “dimentica” di dare il secondo giallo a Benatia, già ammonito, per il fallo di mano che ha provocato il penalty stesso. Gara falsata, perché a termini di regolamento (!) il Milan avrebbe dovuto giocare il resto della gara in superiorità numerica. Al resto ha pensato Higuain, che prima si fa parare il rigore e poi, nel finale, dopo la rete del 2-0 di Ronaldo, perde la testa e si fa espellere dopo un dubbio fallo ai danni dello stesso Benatia. Una reazione scomposta, la stessa che ebbe a Udine quando vestiva la maglia del Napoli. Da un Pipita all’altro, passando per la parentesi bianconera. Non è difficile trovare le differenze.
È un calcio che non ci piace questo, come non ci piace quanto accaduto a Genova, dove il Napoli vince 2-1 su un campo reso impraticabile dal nubifragio. Una partita che andava sospesa e poi rinviata e che invece è stata portata al termine, contro lo spettacolo, l’incolumità dei giocatori e la logica. Una partita farlocca. Vincono gli interessi delle Tv e l’idiozia di chi decide sulle sorti del Pallone. Gli azzurri, comunque, provano a dare fastidio alla Juve, che resta a +6. Divario difficilmente colmabile se alla forza della formazione biancomera si aggiungono anche favoritismi e mancanza di equità nelle decisioni da prendere.
Chi non tiene il passo, invece, è l’Inter mortificata a Bergamo dall’Atalanta (4-1). Torna alla vittoria la Roma (4-1 alla Sampdoria), mentre si ferma a Sassuolo (1-1) la Lazio di Inzaghi.
Completano il quadro dei risultati Frosinone-Fiorentina (1-1), Torino-Parma (1-2), Spal-Cagliari (2-2), Chievo-Bologna (2-2), con Ventura che annuncia le sue dimissioni ed Empoli-Udinese (2-1).