Regolarizzazione immigrati e Caso Bonafede-Di Matteo tra mistificazioni e pasticci

Regolarizzazione immigrati e Caso Bonafede-Di Matteo tra mistificazioni e pasticci

07 Maggio 2020 0 Di Marino Marquardt

Ciò che maggiormente irrita le Persone dotate di senso Etico è quando balza inequivocabilmente agli occhi il gioco sporco dei Politici. Un gioco sporco il più delle volte ammantato di Alti Valori. E per un Disincantato Osservatore politico non c’è niente di più disgustoso che prendere atto della strumentalizzazione di una giusta istanza.per fini personali o di bottega.

Un esempio? E’ fondata su una giusta Istanza sociale la battaglia per la Regolarizzazione degli Immigrati impegnati nei campi o delle Badanti impegnate nell’assistenza agli Anziani. Una Istanza sacrosanta trasformata dai promotori in vile moneta di scambio. Roba da vomito per Quanti – come Chi scrive – stanno dalla parte di Tale Emmanuel Kant, Quello del “Cielo stellato sopra di me, la Legge Morale dentro di Me”.

Inutile dire che la trasformazione di una Istanza di Alto Valore Sociale in bieca moneta di scambio è roba da professionisti della mistificazione.

Nella circostanza l’Alchimista di turno è Matteo Renzi.

Il Capo di Italia Viva dietro la Proposta di Civiltà sulla Regolarizzazione degli Immigrati sta nascondendo l’ennesimo ricattuccio agli Alleati. Un ricattuccio peraltro privo della necessaria forza essendo il Partitino Renziano ormai ridotto ai minimi termini nei sondaggi ed essendo i relativi Adepti contrari ad alzare il livello della sfida perché timorosi di perdere pagnotta e poltrona in seguito a una eventuale crisi di Governo che potrebbe portare ad improbabilissime elezioni anticipate.

Si è di fronte – allora – a nient’altro che ad ulteriori Ragli con cui l’ex Rottamatore rivendica il diritto di tribuna per fornire agli Altri la prova della propria esistenza politica.

La minaccia di rottura sulla Regolarizzazione degli Immigrati e sul Caso Bonafede-Di Matteo è – insomma – l’ennesima sparata a salve di chi non ha più proiettili veri da indirizzare contro gli Avversari.

A proposito del pasticcio attorno alla mancata nomina di Nino Di Matteo al vertice del Dap (Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) e all’invio agli arresti domiciliari dei Boss a causa della Pandemia, lascia perplesso l’annuncio del Ministro della Giustizia relativo alla promulgazione di un Decreto che riporti nelle patrie galere Camorristi, Mafiosi e Ndranghetisti. Un annuncio che potrebbe spingere i Gentiluomini a tentare la fuga. Meglio, molto meglio se Bonafede avesse firmato prima il Decreto e poi parlato…

Detto ciò, sullo sfondo delle convulsioni Renziane e dei Rumors sulla Giustizia si stagliano l’Inadeguatezza e l’Incapacità del Governo nel far fronte rapidamente alla Emergenza Economica e Sociale (oggi è giovedì e di soldi non si vede neanche l’ombra) e la Rozzezza degli Egoismi Sociali di cui sono portatori la Lega, Fratelli d’Italia e parte dei Cinquestelle.

Strano ma vero – di fronte al marasma, di fronte alla Fuffa Politica, di fronte alla volgarità di certe affermazioni – a sommesso avviso di Chi scrive al momento riescono a salvare la faccia soltanto il Pd e Forza Italia, gli Avversari di sempre oggi apparentemente uniti dal comune senso di responsabilità. Ed è tutto dire…

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca…