Ripristino dello Stato Sociale e rilancio delle Attività produttive le priorità degli Stati Generali

Ripristino dello Stato Sociale e rilancio delle Attività produttive le priorità degli Stati Generali

16 Giugno 2020 0 Di Marino Marquardt

Detto papale papale – al di là delle Chiacchiere e degli Annunci e al di là dei contorcimenti del neo Presidente di Confindustria Carlo Bonomi – la priorità degli Stati Generali in corso a Villa Pamphili deve essere quella di ripristinare lo Stato Sociale devastato dal Liberismo della Seconda Repubblica e dalla sempre più dilagante Globalizzazione fondata sul profitto di Pochi e sullo sfruttamento di Milioni di Persone.

Nel Nostro Paese occorre rilanciare i Valori del Cristianesimo Sociale e nel contempo fondare un Nuovo Socialismo attraverso l’applicazione di Misure Economiche che restituiscano ai Cittadini la Fiducia nel Futuro e che rilancino le Imprese nel rispetto dei Diritti e delle Tutele dei Lavoratori.

Ora o mai più!

La pioggia di Miliardi promessa dalla UE dovrà servire per irrigare un Piano di Sviluppo fondato su pochi e precisi punti.

Il rischio della polverizzazione delle Risorse è sempre in agguato.

Il Reddito da Lavoro dovrà al più presto sostituire i Sussidi, Misure Economiche di Sostegno oggi comunque irrinunciabili e indispensabili per consentire a tutti di poter mettere in tavola il classico piatto di lenticchie.

Detto ciò, il Generale Autunno si profila sotto cattivi auspici per il Governo Giallorosso. Tra tensioni e proteste anche in vista della chiusura dei Rubinetti Assistenziali, può esplodere la già minacciosa Bomba Sociale.

Eppure – al lume di buonsenso – la ricetta per risolvere il grosso dei problemi è facile facile.

Sono infatti soltanto quattro gli ingredienti principali secondo il parere di Chi Scrive che Economista non è. Ma che di buonsenso ne ha da vendere:

Primo, rivedere subito il meccanismo del pasticciato Reddito di Cittadinanza e le relative modalità di accesso al Sussidio. Una revisione urgente in attesa della introduzione di una Unica Misura di Sostegno Economico comprensiva di Cassa Integrazione (Ordinaria e in Deroga), dell’Assegno di Disoccupazione e di altri Aiuti agli Ultimi. Bene in questa direzione l’Assegno Universale promosso dalla Ministra Elena Bonetti. La Misura potrebbe essere attiva dal gennaio del 2021 e prevede a sostegno delle Famiglie con figli un bonus da erogare mensilmente;

Secondo, provvedere ad un sostanziale e robusto taglio del Costo del Lavoro;

Terzo, prevedere più severe sanzioni per Fruitori e Prestatori di Lavoro Nero;

Quarto, procedere ad una robusta semplificazione dei Procedimenti relativi all’Avvio di Nuove Attività attraverso la Sburocratizzazione del Paese.

A sommesso avviso di Chi Scrive sono questi gli ingredienti-base della ricetta finalizzata a non far precipitare nella disperazione i Milioni dei Nuovi SenzaReddito, per scongiurare Tensioni e Rivolte Sociali, per favorire il rilancio dell’Economia e dell’Occupazione e per acquietare Confindustria.

Una ricetta da cucinare con i tempi del sugo alla Puttanesca. Velocemente!

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca,,,

16/06/2020    h.12.15