Roberto Murolo, la sua casa diventi un museo

Roberto Murolo, la sua casa diventi un museo

12 Marzo 2021 Off Di Marco Martone
Roberto Murolo è deceduto il 13 marzo 2003: oggi la richiesta di intitolargli la scalinata di fronte alla casa in cui visse e morì.

Roberto Murolo, la sua casa diventi un museo

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che, già in passato, ha più volte chiesto che a Roberto Murolo, grande cantore della Napoli classica, deceduto il 13 marzo 2003, del quale dunque domani cade il 18esimo anniversario della morte, vengano intitolate le scale di via Cimarosa, poste proprio dinanzi al palazzo dove si trova la sua casa,  e  dove il grande artista visse e mori, rilancia la sua proposta.

Anche tenendo conto del fatto che a Murolo, nell’ambito del quartiere collinare,  è dedicata solo una rotonda in cemento posta all’incrocio tra via Rossini e via Paisiello, cosa che non solo sembra riduttiva ma della quale sono a conoscenza ben in pochi.

” L’idea dell’intitolazione delle scale attigue al palazzo – puntualizza Capodanno –  mi è venuta in mente, mutuando quanto fatto al riguardo prima per Giancarlo Siani, più di recente, per Massimo Troisi, al quale sono state intitolale le scale di via Mariconda e in questi giorni per la pittrice Artemisia Gentileschi, alla quale si è proposto d’intitolare le scale di via Luca Giordano. Mi auguro che, in tempi brevi, questa proposta venga fatta propria e attuata dall’amministrazione comunale partenopea “.

“ In verità – afferma Capodanno – mi aspettavo, già da tempo, una maggiore considerazione per un artista del calibro di Murolo, che ha rilanciato la canzone napoletana nel mondo intero e che tanto lustro ha dato e continua a dare a Napoli, riproponendo le più belle melodie e scrivendo pagine indelebili che fanno, a giusta ragione, parte del retaggio storico della cultura partenopea “.

“ Ma, fino a questo momento, così non è stato – puntualizza Capodanno – In verità a Murolo, nel 2014, fu anche intitolata una delle traverse di via Nino Bixio, nel quartiere Fuorigrotta, cosa che però fece storcere il naso a più di un estimatore del grande artista, sia per il fatto che si era scelto un tratto di strada collaterale sia perché tale scelta era caduta al di fuori del territorio del Vomero, quartiere dove Roberto Murolo era sempre vissuto e dove, prima di lui aveva abitato, anche il padre, Ernesto Murolo, come ricordano le due lapidi apposte sulla facciata del fabbricato in via Cimarosa .

“Proprio in occasione della collocazione della lapide, avvenuta il 18 gennaio 2012, per celebrarne il centenario della nascita, si parlò diffusamente, anche sugli organi d’informazione, della realizzazione, nell’abitazione dei Murolo, di un museo che sarebbe dovuto diventare luogo di studio e di ricerca ma anche meta di un turismo amante della storia musicale di Napoli di sempre – ricorda Capodanno – Ma non sappiamo se poi alle dichiarazioni d’intenti siano seguiti fatti concreti. A questo punto, a distanza di ben oltre sette anni dal suddetto avvenimento, pure per rispondere alle domande al riguardo dei turisti ma anche dei tanti estimatori dell’indimenticato artista, auspichiamo che si renda pubblicamente noto se la casa di Ernesto e Roberto Murolo, le cui pareti, come si legge nelle cronache dell’epoca, parlano di musica e cultura e che si auspicava che diventasse come la casa museo a Lisbona di Ferdinando Pessoa, il grande scrittore portoghese, sia oggi un museo, accessibile ai visitatori, e, in caso positivo, in quali orari e a chi bisogna rivolgersi per prenotare la visita, visto che dalle ricerche condotte, anche su internet, nulla risulta al riguardo”.

 


Questo articolo è stato pubblicato anche qui: http://www.scrivonapoli.it/roberto-murolo-la-sua-casa-diventi-museo/