Rock, jazz, classica e pop: ecco i concerti di gennaio

Rock, jazz, classica e pop: ecco i concerti di gennaio

30 Dicembre 2017 0 Di Redazione In24

Da Capodanno in poi, dal jazz al rock, dal pop alla classica, tanti concerti per tutti i gusti in ogni angolo d’Italia. Ecco alcuni degli appuntamenti principali.

Capodanno, ecco i concerti per iniziare l’anno nuovo in musica

Tante le proposte, e per tutti i gusti, per iniziare il Capodanno in musica; sempre che i mille concerti di fine anno in tutta Italia non siano stati sufficienti.

Per chi ama la musica classica e si trova a Firenze, a Capodanno, l’appuntamento da non perdere e che si ripete ormai da trent’anni, è con il Concerto di Capodanno della Scuola di Fiesole e l’Orchestra giovanile italiana, nella formazione 2018, al debutto assieme all’Orchestra Vincenzo Galilei. Il concerto, che vede il sostegno anche della Regione Toscana, del Comune e della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, è per lunedì 1 gennaio alle 11.30 al Teatro del Maggio. Saranno i giovanissimi musicisti dell’Orchestra dei ragazzi di Fiesole ad aprire la matineé, guidati dall’energica bacchetta di Edoardo Rosadini. Lo faranno con il Phönix-Schwingen Walzer op. 125 di Johann Strauss Jr., ovvero il valzer “Ali di Fenice” che segnò il ritorno sulle scene nel 1853 del compositore dopo un periodo difficile e dunque una sorta di resurrezione appunto, a cui allude lo stesso titolo. Sul palco sarà poi la volta dell’Orchestra giovanile Italia, impegnata con l’Orchestra Vincenzo Galileo in un programma raffinato e festoso impaginato da Giampaolo Pretto, che ha curato la preparazione dell’ampia compagine: si inizia con l’Ouverture in stile italiano D. 591 di Schubert, omaggio del tedesco al genio di Rossini; si prosegue con Čajkovskij, in particolare con la Polonaise da Eugene Onegin e l’Allegro molto vivace dalla Sinfonia n.6 “Patetica”, nel mezzo il celeberrimo Intermezzo da Cavalleria Rusticana di Mascagni. Il concerto si concluderà con la Rhapsody in blue di George Gershwin, una sorta di “caleidoscopio musicale dell’Americ”, come la definì lo stesso autore, un miscuglio di jazz e musica colta, di cui sarà interprete, insieme alle orchestre, il pianoforte di Antonino Siringo. Il concerto sarà trasmesso da Rete Toscana Classica domenica 14 gennaio alle ore 12.40 e giovedì 18 gennaio alle ore 20:30 (FM 90.2, 93.1, 93.3, 94.6, 97.5 e 99.3), mentre per lo streaming sarà possibile avvalersi del sito www.retetoscanaclassica.it.

Tradizionale e consolidato anche l’appuntamento con il Concerto di Capodanno sempre il 1° gennaio, alle ore 18, al Teatro Verdi di Pisa: giunto alla 26esima edizione, ed organizzato dal Comune di Pisa, dal Lions Club Pisa Host e dalla Fondazione Teatro di Pisa, il Concerto di Capodanno 2018 vede ancora una volta l’Orchestra Arché, composta dai migliori giovani musicisti toscani, coadiuvati da professori d’orchestra provenienti da importanti Orchestre nazionali. Sul podio il Maestro gallese Wyn Davies, che torna così a Pisa dove aveva diretto proprio l’Arché nel Concerto di Capodanno 2013, con il soprano Sonia Ciani, applauditissima Pia nella Pia de’Tolomei che ha aperto in ottobre la Stagione Lirica del Verdi, e che qui ci regalerà tre arie di sicuro fascino, corrispondenti a tre diverse figure femminili: la bambola meccanica dei Racconti di Hoffmann, la sensuale protagonista dell’ultimo capolavoro di Lehar, Giuditta, e la frizzante Adele de Il Pipistrello di Strauss. Il Concerto di Capodanno 2018 vede il sostegno della Banca di Pisa e Fornacette, e prevede il brindisi finale offerto dalla Camera di Commercio di Pisa e dai produttori del territorio e i rametti di vischio donati alle spettatrici dai fioristi della Ascom-Confcommercio e della Confesercenti di Pisa. Destinatario del ricavato, invece, sarà la Mensa dei poveri della Parrocchia di San Francesco. I biglietti costano 20 euro.

Maestro Gabriele CiampiDa segnare in agenda anche l’appuntamento con Gabriele Ciampi, che festeggia i cinque anni di carriera live in giro per il mondo con il Concerto di Capodanno in programma a Roma all’Auditorum parco della Musica (Sala Petrassi, ore 18), prima di partecipare, il 28 gennaio, al Madison Square Garden di New York alla giuria dei Grammy Awards. Gabriele Ciampi è stato il primo compositore italiano ad eseguire la propria musica alla Casa Bianca su invito dalla First Lady Michele Obama per il “White House for Holidays”, unico italiano nella storia a dirigere alla Casa Bianca. L’anno scorso è stato ricevuto in Vaticano da Papa Francesco, ad un mese dal suo nuovo album, uscito in tutto il mondo, “In Dreams Awake” (Universal Music). Il compositore festeggia un primo record: 5 anni di concerti live sparsi per il mondo. “Te 5th Year Tour” è partito la scorsa primavera dall’Ambasciata d’Italia di Washington accompagnato dalla prestigiosa National Symphony Orchestra e ora a Roma per il quinto anno consecutivo il Maestro suonerà all’Auditorium Parco della Musica. Ancora una volta salirà sul palco insieme alla sua “CentOrchestra”. Il Maestro ha composto un concerto per arpa e orchestra, di cui verrà eseguito il II Movimento. L’arpa, uno strumento utilizzato raramente in orchestra, specialmente come solista, ma con grandi potenzialità espressive, in questo caso si confronterà con l’orchestra composta da 40 elementi. In scaletta, oltre alle composizioni inedite, sono previsti i brani più celebri tratti dagli ultimi due album pubblicati: “In Dreams Awake” (2016) e “The Minimalist Evolution” (2014). I biglietti sono disponibili su Ticketone.it e nei punti di vendita ufficiali.

Sal Da Vinci Italiano di NapoliE a Napoli, prosegue anche il primo gennaio e fino al 7, “Italiano di Napoli”, la nuova edizione dello spettacolo musicale di Sal Da Vinci in scena al Teatro Augusteo. Nato da un’idea di Sal Da Vinci, scritto insieme ad Alessandro Siani, che ne cura la regia, lo spettacolo spiega l’artista è “una riflessione sulla nostra identità di napoletani, di italiani, di cittadini della Repubblica dei sentimenti”. La colonna sonora è composta da successi e nuovi brani di Sal Da Vinci, e da canzoni del repertorio più o meno recente della musica italiana. Sul palco, nella nutrita compagnia, anche Davide Marotta, Ernesto Lama, Gaia Bassi, un corpo di ballo e un’orchestra dal vivo composta da 6 musicisti. ”Italiano di Napoli attraverso la sua musica ci trascinerà verso un mondo più vero, senza pregiudizi né differenze, perché in fondo sono le differenze a renderci speciali”, scrive Siani nelle note di regia.

 

Concerti anche all’Epifania

E poiché ai concerti si va anche all’Epifania, non manca l’appuntamento per gli amanti della musica della Befana.

Saranno tre eccellenze italiane a salire sul palco del Teatro Verdi di Pisa sabato 6 gennaio alle 21 per il secondo appuntamento della Stagione di Danza. Un appuntamento inusuale e particolarissimo che interseca generi e stili e guarda a pubblici diversi: Offline in tempo reale, il concerto-spettacolo multidisciplinare che vede insieme sul palco brani reggae degli Africa Unite, in una elaborazione inedita per elettronica e quintetto d’archi a cura di Architorti, che sono il tessuto sonoro e musicale dello spettacolo, mentre la parte fisica, corporea, è affidata alle coreografie di Michele Merola per la sua MM Contemporary Dance Company. Il tutto in un continuum che vede gesto, parola e musica misurarsi con i loro cloni virtuali proiettati su schermi e dialogare con essi. Un concerto-spettacolo dunque che ha nella multimedialità e nella diversità degli artisti coinvolti un punto di forza. Una continua carica di energia, vorticosa e straordinaria. Un appuntamento davvero imperdibile. Biglietti con prezzi che variano dai 20 ai 5 euro. Per questo spettacolo è attiva una “promozione feste”: chi acquista un biglietto al botteghino può avere il secondo biglietto in omaggio.

Roy Paci & Aretuska, presentano il loro ultimo album Valelapena.

Roy Paci & Aretuska

E sempre all’Epifania, prosegue il tour italiano di Roy Paci & Aretuska, tour che segue l’uscita dell’album Valelapena. “Valelapena” è un disco di grande svolta per il suono di Roy Paci & Aretuska e questo cambiamento è anche il nuovo abito dei live, durante il quale propongo al pubblico sia i brani del nuovo disco sia canzoni del loro repertorio riarrangiate per l’occasione dando maggiore spazio, rispetto al passato, al sound elettronico. Il prossimo appuntamento con Roy Paci & Aretuska il 6 gennaio al Monk di Roma.

 

20 gennaio, Biagio Antonacci al Modigliani di Livorno

Biagio Antonacci ConcertiSabato 20 gennaio Biagio Antonacci sarà in concerto al Modigliani Forum di Livorno con il Biagio Antonacci tour 2017-2018. Un nuovo viaggio che conta già sei tutto esaurito e che porterà il cantautore ad esibirsi a febbraio anche in Russia, mentre il 2 maggio prossimo partirà il Dediche e manie tour 2018. Questi attesissimi live seguono la pubblicazione di Dediche e manie, il nuovo album uscito lo scorso 10 novembre, su etichetta Iris e distribuito da Sony Music.

 

Dal 20 gennaio Nek Max Renga insieme live

Nek Max Pezzali e Fabrizio Renga insieme in tour (ph. L. Carcavale).

Nek Max Pezzali e Fabrizio Renga insieme in tour (ph. L. Carcavale).

Dal 20 gennaio prende il via il Nek Max Renga tour, la serie di concerti che porterà in giro nei principali palasport insieme tre grandi artisti, con tre carriere straordinarie e anche tre grandi amici. Nek, Max Pezzali e Francesco Renga sono i tre protagonisti di questo straordinario evento. Max Pezzali ha venduto oltre 7 milioni di dischi, Nek é l’artista italiano più suonato dalle radio nell’ultimo anno, Francesco Renga ha una carriera caratterizzata da oltre 1850 concerti… E in questo tour si metteranno alla prova ancora una volta unendo le loro carriere per creare una miscela esplosiva. Tutti e tre insieme, sul palco, infatti, reinterpreteranno i brani più significativi degli oltre 25 anni di carriera di ciascuno.

Queste le prime date di “Nek Max Renga, il tour”: il 20 gennaio all’Unipol Arena di Bologna, il 22 al Brixia Forum di Brescia, il 25 all’RDS Stadium di Genova, il 26 al Pala Alpi Tour di Torino, il 29 all’Adriatic Arena di Pesaro e il 31 al Pala Sele di Eboli (Salerno), prima di continuare con altre quattro date a febbraio.

 

Il 24 gennaio a Firenze, musica strumentale con Remo Anzovino

Remo Anzovino ph. Gianluca MoroPer gli amanti della musica strumentale, l’appuntamento da non perdere è il concerto di Remo Anzovino, pianista, compositore e avvocato, fra gli esponenti più affermati e innovativi della musica strumentale contemporanea. Remo Anzovino suona il 24 gennaio al Teatro Puccini di Firenze nella prima data del tour con cui porta in giro uno spettacolo multisensoriale che rappresenta il racconto di una notte che cambia la vita. I biglietti in prevendita sono disponibili sul circuito Ticketone e nei punti vendita abituali. In scaleta, tra l’altro, i brani di Nocturne, il quinto album di Remo Anzovino, arrivato a distanza di 5 anni dal precedente disco in studio e uscito il 29 settembre in digital download, sulle principali piattaforme streaming e disponibile nei negozi tradizionali anche in versione in vinile, su doppio LP. L’album indaga attraverso una narrazione emozionale la solitudine umana e contemporaneamente il racconto della bellezza della vita e le contraddizioni della realtà di oggi. È stato registrato tra Tokyo (JVC Victor Studio), Londra (Abbey Road), Parigi (Les Studios Saint Germain) e New York (Brooklyn Recording), è moderno e incisivo. È stato prodotto, registrato e mixato da Taketo Gohara, con gli arrangiamenti orchestrali di Stefano Nanni che ha anche diretto la London Session Orchestra. Tra i musicisti partecipanti, al violino cinese Masatsugu Shinozaki, l’armeno Vardan Grygorian, considerato tra i migliori interpreti mondiali di duduk, la francese Nadia Ratsimandresy, tra le maggiori virtuose al mondo di ondes martenot e Gianfranco Grisi, inventore del suo cristallarmonio ed insuperabile nell’arte di suonare il vetro.

 

31 gennaio, fa tappa a Milano Emotional Tattoos Tour della Pfm

PFM Premiata Forneria MarconiFa tappa a Milano Emotional Tattoos Tour, il giro di concerti che porta la Premiata Forneria Marconi in tutto il mondo. La Pfm, che suona sia i suoi grandi successi di sempre sia i brani dell’ultimo album “Emotional Tattoos”, uscito il 27 ottobre per InsideOutMusic/SonyMusic, si esibisce il 31 gennaio a Bologna, al Teatro Duse (biglietti e info su: www.pfmworld.com). “Emotional Tattoos”, il disco realizzato 14 anni dopo il precedente, è un album dalle sonorità internazionali che conferma, oggi più che mai, che la band non può essere racchiusa in vecchie e consumate etichette. Non a caso, PFM Premiata Forneria Marconi è entrata nel 1973 nella classifica di Billboard (per “Photos Of Ghosts”), ha vinto un disco d’oro in Giappone ed è stata premiata con la posizione n. 50 nella “Royal Rock Hall of Fame” dei 100 artisti più importanti del mondo.

 

31 gennaio, unica tappa italiana di Rod Stewart

Rod Stewart live in concertE sempre il 31 gennaio, al Mediolanum Forum di Assago (Milano) si tiene l’unica tappa italiana del tour mondiale di Sir Rod Stewart, la grande voce di hit storiche come Sailing, The First Cut Is The Deepest, Rhythm Of My Heart e Maggie May.

E tutti questi successi della sua pluridecennale carriera dovrebbero essere presenti nella scaletta dello show milanese dell’artista che è entrato per ben 2 volte nella Rock and Roll Hall of Fame ed ha venduto oltre 200 milioni di album, prima di essere nominato, nel 2016, Cavaliere di sua Maestà britannica dal principe William.

 

31 gennaio, a Napoli James Sense festeggia i 50 anni di carriera

James SeneseE sempre il 31 gennaio, al Teatro Sannazzaro di Napoli, il concerto unico di James Senese, il protagonista del jazz rock partenopeo che festeggia quest’anno i 50 annbi di carriera. Sul palco, nell’ambito della rassegna “Sound of The City”, curata da Jesce Sole, il grande artista partenopeo che sta lavorando alla pubblicazione – nella primavera 2018 – di un doppio disco celebrativo per i 50 anni della sua carriera, a cui farà seguito un fitto calendario di concerti. E proprio al Sannazzaro i fan potranno partecipare alla registrazione del doppio album live che conterrà i brani storici dei Napoli Centrale.