Contenuto Pubblicitario
Roland Garros 2021, oggi giornata storica per il tennis italiano. Agli ottavi Musetti, Sinner e Berrettini.

Roland Garros 2021, oggi giornata storica per il tennis italiano. Agli ottavi Musetti, Sinner e Berrettini.

05 Giugno 2021 0 Di Camilla Alcini

Roland Garros 2021, il terzo turno è un trionfo per gli italiani. Musetti, Sinner e Berrettini raggiungono gli ottavi dell’Open di Francia.

Roland Garros 2021, giornata storica per il tennis italiano: per la prima volta negli Open ben tre giocatori agli ottavi di finale di uno Slam

Dal 24 Maggio al 13 Giugno torna a Parigi il Roland Garros,  uno degli appuntamenti più prestigiosi dell’anno per il torneo ATP. Il Grand Slam francese potrebbe ancora una volta essere decisivo per il campionato. Reduce dagli Internazionali BNL d’Italia, Nadal (che l’altro ieri ha festeggiato i suoi 35 anni) è alla rincorsa del numero uno Djokovic e del numero due Medvedev. L’ottavo posto è occupato dal Re Roger Feder, da cui il pubblico si aspetta una grande performance a Parigi data l’attesa. In top ten c’è anche un italiano che potrebbe collezionare punti importanti durante l’Open di Francia: è Mattia Berrettini.

La performance eccellente di Sonego a Roma è servita per ricordare al pubblico che gli italiani, nel tennis, non scherzano. Armati di racchetta e talento, sono arrivati al terzo turno del Roland Garros in quattro: Berrettini, Musetti, Sinner e Cecchinato.  Il torneo del Grand Slam parigino promette performance di alto livello per tutti loro, che con tecnica e personalità si stanno guadagnando sempre più il supporto degli amanti del tennis. Dove riusciranno ad arrivare?

Il primo appuntamento è il derby Cecchinato – Musetti. Promosso a pieni voti il diciannovenne

Derby italiano stamattina sulla Court 7 che ha come protagonisti Cecchinato e Musetti. È favorito il diciannovenne di Carrara, che si prende una pausa dall’esame di maturità per giocare il torneo parigino del Grand Slam e continuare la sua scalata nel ranking, dove attualmente occupa il 76esimo posto. Dall’altra parte c’è il palermitano classe 92, che nel ranking è 83esimo.  La partita inizia con un vantaggio di Cecchinato, che strappa il primo set ad un Musetti assente grazie ad un 6-3 in trentasette minuti. La musica cambia radicalmente nel secondo set, che vede Musetti vincitore con un servizio impeccabile e con tanto di punti spettacolari, come la volée sulla palla break. Il pubblico si scalda, coinvolto sempre più  in una bellissima partita da cui purtroppo uno dei due italiani uscirà sconfitto.

Si va al terzo set, che in una situazione di parità diventa molto importante. Musetti, incitato dal pubblico, riduce al minimo gli errori e con tanta grinta quanta tecnica vince il set 6-3. Il quarto set potrebbe portargli la vittoria, cosi come restituire a Cecchinato la parità. Il palermitano è determinato a non mollare, e ritrova la concentrazione. Come Musetti nel set precedente, Cecchinato gioca ogni game dominando su un avversario scarico, che forse con la testa sta già al quinto set, una novità per lui. Dallo smash che lo porta 5-2 fino al 6-3 il passo è breve.

Si va al quinto: per Cecchinato è la quinta volta, mentre per Musetti è un terreno completamente inesplorato. Fino a questo punto la partita si è giocata in equilibrio, con soluzioni simili ed errori altrettanto simili (come la difficoltà in reazione al servizio avversario). Nei primi colpi ancora una volta Musetti sembra assente, tuttavia vince non senza fatica il primo game, che però Cecchinato recupera subito ristabilendo la parità. Parità che dura poco, perché Musetti si accende e va in netto vantaggio, game dopo game, fino al decisivo 5-1 che lo fa servire per il match. Cecchinato recupera due game e Musetti deve aspettare il 5-3 per il match point risolutivo che lo manda agli ottavi di finale.

Sinner contro Ymer, trionfa l’altoatesino in tre set

Subito dopo il match tra Cecchinato e Musetti scende in campo nella Court 14 un altro italiano, l’altoatesino Sinner, in classifica al numero 19 (come la sua età). A sfidarlo dall’altra parte della rete c’è Ymer, svedese di origini etiopi che nel ranking ATP è fuori dalla top 100. Il primo set è totalmente dominato da Sinner, che in mezz’ora lo porta a casa con il punteggio 6-1. Il secondo set però è ben diverso. Sinner rallenta, mentre Ymer diventa competitivo. Con lo svedese in vantaggio, ogni game conta, e l’altoatesino riesce a trovare l’energia per spingere ancora. Con pazienza raggiunge il 5-5. Dal set point dello svedese, sette punti consecutivi portano Jannik Sinner al vantaggio 6-5 con un brillante game a zero. Un ulteriore game gli fa guadagnare il secondo set con 7 a 5.

Il terzo set potrebbe consegnare a Jannik la vittoria, e con questa consapevolezza mette a segno i primi due game. Ad un soffio dal 3-1, una palla contesa che Ymer avrebbe colpito al secondo rimbalzo gli sottrae il vantaggio e porta invece il punteggio del terzo set al 2 pari. Il terzo game del terzo set è combattutissimo, ma con un ace finale è Sinner a guadagnarselo. Da questo momento in poi, l’altoatesino non cede più un game: vince 6-3 al terzo set, guadagnandosi uno storico posto agli ottavi del Roland Garros.

Ultimo italiano in campo è Berrettini: inizio combattuto, poi trionfa in tre set su Kwon

Il sole sta ormai tramontando su Parigi quando tocca a Matteo Berrettini, l’ultimo italiano che oggi si gioca un posto agli ottavi. Il suo sfidante è Kwon Soon-woo, sudcoreano di 23 anni pronto a dare del filo da torcere al giocatore romano. È chiaro già dal primo set che Kwon, nonostante nel ranking sia lontano dal nono posto di Berrettini, ha intenzione di giocarsela fino all’ultimo colpo. Il match è infatti sin da subito un testa a testa molto combattuto, che porta ad un 6-6 che costringe i due a giocarsela al tie-break.

Anche il tie, però, è una sfida alla pari, dove Berrettini perde il vantaggio guadagnato con i primi colpi arrivando al 6 pari. Dopo quasi un’ora, è il momento di chiudere il tie e portare a casa il primo set: Berrettini tira fuori la grinta per farlo e vince 8-6. Il secondo set non è meno difficile per l’italiano, a Berrettini serve qualcosa in più per avere la meglio su Kwon senza più finire al tie. Ritrovata la tecnica che lo contraddistingue riesce a vincere 6-3 portandosi in vantaggio. Il terzo set vinto 6-4 gli consegna il match e il posto agli ottavi.

A parte l’inevitabile esclusione di un italiano nella prima partita, è un giorno da festeggiare per il tennis del nostro paese. Ben tre italiani, tra cui due under 20, superano il terzo turno e vanno agli ottavi del Roland Garros. È la prima volta nella storia dell’era Open che succede in uno Slam. Ma la vera sfida arriva ora che tutti e tre si troveranno di fronte tre numeri uno: Djokovic per Musetti, Nadal (di nuovo) per Sinner e per Berrettini potrebbe esserci il mito stesso, Federer.

Contenuto Pubblicitario
Banner Istituzionale Italpress 666x82