Home Politica Politica italiana Rumors sul Reddito di Cittadinanza. Non è una cosa seria, direbbe Pirandello

Rumors sul Reddito di Cittadinanza. Non è una cosa seria, direbbe Pirandello

85
0
DiMaio Adnkronos Def

Ma non è una cosa seria, direbbe Pirandello… Spifferi, voci che si rincorrono, annunci che si contraddicono in men che non si dica. Una girandola di ipotesi tra capriole e conferme di chi governa il Bel Paese.

Sotto la lente d’ingrandimento le conseguenze della minore crescita del Pil

A finire sotto la lente di ingrandimento e ad alimentare la confusione l’annunciata ridotta crescita del Pil e di conseguenza quello che sarà il reale ammontare del Reddito di cittadinanza. Il tutto all’ombra delle jacovelle (tira e molla per i non napoletani ndr) tra il Governo italiano e la Commissione UE.

Non bastassero i paletti di cui si era già ipotizzato nei giorni scorsi, ora c’è chi scommette che il Reddito di cittadinanza non possa superare i 500 euro mensili. Nella proposta attuale – lasciano ancora trapelare pettegole voci di dentro – sono state previste limitazioni sull’accesso, che comprendono tra l’altro Isee a 9.360 euro annui, capitale immobiliare fino a 30 mila euro oltre alla prima casa, patrimonio mobiliare entro i 10 mila euro per famiglie con più figli. Considerando l’ipotetica partenza degli assegni il primo aprile, il costo totale si aggirerebbe sui 7 miliardi.

Ma i Cinquestelle negano che l’assegno sarà rivisto e ridotto a 500 euro. “Resterà a 780 euro per un single”, insistono. Lo afferma lo stesso Luigi Di Maio in risposta al fiorire di ipotesi. Ma il Capo politico Cinquestelle dopo i recenti infortuni in materia di annunci, non appare del tutto credibile.

A rischio il futuro politico di Luigi Di Maio

Di certo la mancata applicazione del Reddito di Cittadinanza secondo quanto promesso in campagna elettorale potrebbe sancire la fine politica di Di Maio – persona perbene ma non sufficientemente esperta e autorvole – e il tramonto del M5s.

Ma al momento – giova però ricordare – si è fermi alle chiacchiere, agli spifferi e a tutto quanto può far vendere giornali. E tutto ciò – direbbe appunto Luigi Pirandello – non è una cosa seria…

02/12/2018  h.08.20