Salvini, Meloni e Tajani tre ore a Palazzo Chigi per dar prova della propria esistenza politica a se stessi e agli altri

Salvini, Meloni e Tajani tre ore a Palazzo Chigi per dar prova della propria esistenza politica a se stessi e agli altri

24 Marzo 2020 0 Di Marino Marquardt

Tre ore ed oltre a Palazzo Chigi per elemosinare Parti in Commedia e per fornire soprattutto a Se Stessi e poi agli Altri la dimostrazione delle Rispettive Esistenze Politiche. E’ il succo dell’incontro ravvicinato tra il Premier Giuseppe Conte e i Tre Capi delle Forze di Opposizione. Un incontro – quello di ieri sera – concesso da Conte dopo il rifiuto del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, di ricevere al Quirinale Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Antonio Tajani. Una decisione – questa di Mattarella – finalizzata ad evitare Strappi Istituzionali.

Al termine dell’incontro, ai piedi di Palazzo Chigi, tra Ragli dimessi e Flebili lamenti i Tre hanno parlato senza dire niente. Fonemi sotto vuoto spinto e nulla più. Ma tant’è, il gettone di presenza nei titoli dei Tg e dei giornali sono comunque riusciti a guadagnarselo. Ed è già tanto per Gente che – una volta privata dei Ragli da campagna elettorale – difficilmente riesce ad avanzare proposte sensate e non ispirate da rozzezza e da grettezza culturale e intellettuale..

Il Flagello Covid – riuscendo a tenere lontani i Migranti – ha tolto Materia Prima Propagandistica a Salvini. In cambio Gli sta offrendo su un piatto d’argento i Detenuti con la valigia pronta. Da vedere se il Capo Politico e Religioso della Lega li troverà appetibili come i Disperati d’Africa…

Cala il sipario sull’Atto Unico andato in scena a Palazzo Chigi. Salvo imprevisti il Primo Attore Conte rivedrà tra qualche giorno in Parlamento i Comprimari di ieri sera. Accadrà dopo le riunioni dell’Eurogruppo e dell’Ecofin, quando saranno più chiare le posizioni in materia di sostegno economico agli Stati Membri della Ue.

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di potermi esprimere in prima persona su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui le opinioni del sottoscritto talvolta non appariranno coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.

24/03/2020    h.07.55