Scandalo Csm, basta col giochino delle autosospensioni. Zingaretti cacci Lotti. E così facciano tutti i partiti!

Scandalo Csm, basta col giochino delle autosospensioni. Zingaretti cacci Lotti. E così facciano tutti i partiti!

15 Giugno 2019 0 Di Marino Marquardt

Ha ragione il filosofo Massimo Cacciari: Luca Lotti va cacciato dal Pd! Punto! Nicola Zingaretti se vuole salvare la faccia sua e del Partito deve dire forte e chiaro che nel Nazareno non c’è posto per gli intrallazzatori. Tutto il resto è fuffa che va ad irrobustire la convinzione secondo la quale Zingaretti sia un Segretario dai piedi d’argilla, sia un capo politico debole, sia una sorta di Luigi Di Maio in salsa rosa.

Di fronte alla gravità delle parole registrate non reggono le tesi dei soliti garantisti scudieri dei corruttori

L’autosospensione annunciata da Luca Lotti non può bastare di fronte alla incontestabile gravità dei fatti e delle affermazioni. Le parole di Lotti catturate dal trojan collocato nel suo smartphone sono inequivocabili. E le tesi dei soliti garantisti scudieri di trafficoni, di corruttori e tangentisti crollano di fronte alla immoralità della vicenda.

Il caso Lotti suggerisce anche di farla finita col giochino delle autosospensioni, formuletta magica usata da quanti –  trovati con le mani nella marmellata – cercano di far passare le accuse nel dimenticatoio e di trasferire il tutto in cavalleria.

Stop alle autosospensioni e via libera alle espulsioni dei malfattori dai partiti di appartenenza, dunque. L’imperativo dovrebbe essere adottato da tutte le forze politiche. Per una questione di igiene morale.

Lo scandalo Csm conferma anche la costante degli ultimi anni secondo la quale – dove il torbidume avvolge vicende di Palazzo – si trova sempre la presenza di un renziano. E’ accaduto con le Banche, con la Consip, con l’ Unicef, col Csm… Insomma se si cerca un renziano basta seguire il fetore del letame.

Detto ciò, la vicenda conferisce a Zingaretti dimensioni bonsai. Il Segretario Dem deve decidere cosa fare da grande. E deve mettersi bene in testa che con certa gentaglia non si ricuce. Si strappa e si manda a quel paese. Sempre che si sia dotati degli indispensabili attributi…

15/06/2019   h.07.50