Sei Nazioni, Francia-Italia allo Stade de France

Sei Nazioni, Francia-Italia allo Stade de France

06 Febbraio 2016 0 Di Marco Tripisciano

Sei Nazioni, ci siamo. Il calcio d’inizio oggi delle 15:25 tra Francia e Italia allo Stade de France di Parigi, che riapre dopo gli attentati di novembre e darà ufficialmente il via alla 17° edizione del torneo.

Sei Nazioni, al via con Francia-Italia

Sei Nazioni capitani

Il meglio del rugby

Sei Nazioni. Il match di questo pomeriggio al Saint-Denis vale il doppio: non solo perché quella tra Francia e Italia sarà la partita che vale anche il Trofeo Giuseppe Garibaldi ma, soprattutto, perché sarà la prima manifestazione sportiva ospitata dall’impianto dopo gli attentati terroristici dello scorso novembre.

L'Italia al Sei Nazioni

La squadra italiana

image
L’edizione 2016 del Sei Nazioni sarà soprattutto il torneo post Mondiale: le due squadre, che hanno chiuso rispettivamente al quarto e quinto posto un anno fa, con l’Italia eliminata proprio dai cugini francesi e la Francia travolta dagli All Blacks, hanno bisogno di rimettersi in gioco, con loro stesse ma ancor prima che col resto del mondo. Entrambe sanno di non essere le favorite a vincere il Sei Nazioni ma con una differenza: se da una parte la Francia guarda al futuro con l’arrivo del nuovo Ct della Nazionale, Guy Novès, sulla panchina transalpina, dall’altra l’Italia dovrà fare i conti al suo interno e godersi l’ultimo torneo con Jacques Brunel.

Il tecnico dell’Italrugby affronterà, infatti, il match contro la Francia con una rosa di giocatori esordienti, ben dieci, tre dei quali giocano nel campionato italiano d’Eccellenza, facendo a meno di molti dei suoi indisponibili, fra i quali Andrea Masi, Simone Favaro, Joshua Furno e i promettenti Tommaso Allan, Luca Morisi e Andrea Manici. Ancora una volta il giocatore più importante della Nazionale italiana sarà capitan Sergio Parisse, proprio lui che qualche settimane fa è stato eletto miglior giocatore del campionato francese, dove gioca con lo Stade Français. Parisse ha commentato così la prima partita del Sei Nazioni:

“Dieci esordienti sono molti ma tante assenze significano una chance per questi ragazzi che si affacciano sul rugby internazionale di mettersi in mostra, di meritare la Nazionale e l’alto livello. Da quando Jacques guida la Nazionale – ha proseguito Parisse – cerchiamo di proporre un gioco che coinvolga maggiormente tutti i reparti rispetto al passato. In questo Sei Nazioni dovremo adattarci ancor più ad ogni singolo avversario, prendere le decisioni giuste sul campo sarà la mia responsabilità. Abbiamo due aperture giovani, più Allan infortunato e Haimona che può rappresentare un’ulteriore opzione: per il rugby italiano è importante avere tre potenziali numeri dieci per il futuro”.

E la Francia? La Nazionale francese esce dal suo peggior Mondiale di sempre e dovrà fare i conti con uno staff tecnico rinnovato e, quindi, tutto da testare. Il nuovo Ct, Guy Novès, però, è convinto di farcela a battere gli italiani. Sui giornali francesi si legge di come Novès stia lavorando da mesi a preparare la squadra che se la giocherà in fase offensiva grazie a giocatori come Médard, Bonneval, Fickou e Vakatawa. Inoltre, L’Italia non è riuscita mai a battere i francesi a Saint-Denis.

Francia-Italia

Fasi di gioco


La Nazionale italiana, dunque, dovrà fare molto, se non di più, per fare bella figura in un Torneo dove, molto spesso, la nostra nazione viene vista ormai troppe volte come un’intrusa.

Francia:

  • 15 Maxime Médard,
  • 14 Hugo Bonneval,
  • 13 Gaël Fickou,
  • 12 Jonathan Danty,
  • 11 Virimi Vakatawa,
  • 10 Jules Plisson,
  • 9 Sébastien Bezy,
  • 8 Louis Picamoles,
  • 7 Damien Chouly,
  • 6 Wenceslas Lauret,
  • 5 Yoann Maestri,
  • 4 Paul Jedrasiak,
  • 3 Rabah Slimani,
  • 2 Guilhem Guirado (c),
  • 1 Eddy Ben Arous

A disposizione: 16 Camille Chat, 17 Uini Atonio, 18 Jefferson Poirot, 19 Alexandre Flanquart, 20 Yacouba Camara, 21 Maxime Machenaud, 22 Jean-Marc Doussain, 23 Maxime Mermoz

Italia:

  • 15 David Odiete,
  • 14 Leonardo Sarto,
  • 13 Michele Campagnaro,
  • 12 Gonzalo Garcia,
  • 11 Mattia Bellini,
  • 10 Carlo Canna,
  • 9 Edoardo Gori,
  • 8 Sergio Parisse (c),
  • 7 Alessandro Zanni,
  • 6 Francesco Minto,
  • 5 Marco Fuser,
  • 4 George Fabio Biagi,
  • 3 Lorenzo Cittadini,
  • 2 Ornel Gega,
  • 1 Andrea Lovotti.

A disposizione: 16 Davide Giazzon, 17 Matteo Zanusso, 18 Martin Castrogiovanni, 19 Valerio Bernabo, 20 Andries van Schalkwyk, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Kelly Haimona, 23 Luke McLean.

Terzo Tempo Sei Nazioni

Terzo Tempo, il bello dello sport