Si scioglie Liberi e Uguali, la Sinistra scompare dalle Istituzioni italiane

Si scioglie Liberi e Uguali, la Sinistra scompare dalle Istituzioni italiane

15 Novembre 2018 0 Di Marino Marquardt

Potere al Popolo divorzia da Rifondazione Comunista e dà vita a una nuova scissione dell’atomo, Liberi e Uguali si dissolve, il Pd non ci azzecca più niente col Socialismo, la Sinistra muore uccisa dai suoi stessi figli. E’ il trionfo di Edipo e di Elettra, roba da tragedia greca.

Si squagliano le residue formazioni della infinita diaspora socialcomunista

E poi i cosiddetti “compagni”, i duri e puri della falce e martello o del sole che sorge e gli ex compagni se la prendono con Grillo e attaccano i Cinquestelle… Roba da matti.

Accade quando si smarrisce il senso della realtà, accade quando l’approccio con la politica – in assenza delle scuole di partito di una volta – è ormai approssimativo a talvolta guidato dal fiuto per gli affari. Un approccio come ad esempio può essere quello generato ai margini di una partita di calcetto, così come consigliava a quanti andavano in cerca di lavoro il ministro del Lavoro renziano Giuliano Poletti…

Di fatto hanno finito con lo squagliarsi le residue formazioni della infinita diaspora socialcomunista. Messe insieme Potere al Popolo, Rifondazione comunista e Liberi e Uguali potevano valere un buon 5 per cento, circa 2 milioni e mezzo degli aventi diritto al voto. Resta ora da chiedersi che strada prenderanno questi consensi. Finiranno in freezer in attesa di chissà cosa, si disperderanno tra M5s e Pd, o finiranno col confluire nell’ennesima illusoria invenzione elettoralistica di Sinistra finalizzata soprattutto ad assicurare un po’ di pagnotta a quanti oggi rischiano di rimanerne privi? Mah!

Detto ciò, l’annuncio dello scioglimento di Leu e la conseguente scomparsa dalle Istituzioni dell’ultimo soggetto politico della Sinistra non rappresenta un momento di festa per la democrazia del Paese. Ma tant’è.

15/11/2018  h.11.05