Suicidio assistito e Difesa dell’Ambiente Naturale. E’ questione di apertura o chiusura mentale

Suicidio assistito e Difesa dell’Ambiente Naturale. E’ questione di apertura o chiusura mentale

27 Settembre 2019 0 Di Marino Marquardt

Ridotte all’osso, le diatribe su temi etici e sociali sono generate soprattutto da questioni di apertura o di chiusura mentale dei contendenti. Per avere contezza di ciò, basta leggere i titoli di oggi delle prime pagine dei giornali di ispirazione conservatrice o leggere le dichiarazioni di Matteo Salvini e di quanti ne condividono l’Oscurantismo culturale. O ascoltare o leggere posizioni contrarie.

E’ scontro tra Razionalità e Dogmatismo, tra Neoilluminismo e Oscurantismo

Suicidio assistito, Fine Vita e Difesa dell’Ambiente Naturale sono i Temi che tengono banco in questi giorni. Temi su cui si misurano razionalità e dogmatismo, Temi nei quali la spaccatura culturale è netta.

E’ un terreno sul quale la chiusura e l’apertura mentale delle persone determina il giudizio.

E la rozzezza delle argomentazioni degli Oscurantisti è disarmante. Sia in materia di Fine Vita sia in materia Ambientale.

In materia di Suicidio Assistito sconcertano anche le posizioni di alcuni medici schierati a favore della sopravvivenza Senza Domani, della sopravvivenza tra atroci sofferenze di Non più Vite, di Vite bloccate da mali Irreversibili;

in materia Ambientale sconcertano i Negazionisti che escludono la Mano dell’Uomo negli oggi rapidi sconvolgimenti climatici, gli stessi mutamenti climatici ieri lentissimi quando a provocarli era soltanto l’azione della Natura.

Un esempio in materia di Ambiente: prendete le parole pronunciate ieri dal Capo del Carroccio, Matteo Salvini, a proposito delle assenze scolastiche pre-giustificate dal Ministero di quanti partecipano alle manifestazioni di oggi in Difesa della Terra.

Il Capo Leghista ha usato espressioni sprezzanti che fotografano l’ignoranza, l’insensibilità, la grettezza e la banalità che lo muovono in tutti i campi e non soltanto in quello dell’Ambiente.

Ambiente, il crepuscolo dei Negazionisti lascia sperare in una svolta cultturale

E prendete le argomentazioni con cui i Negazionisti Censurano la battaglia di Greta (Costoro con bon ton tipico degli ignoranti definiscono “Gretina” la Ragazza) e bocciano le manifestazioni giovanili a favore dell’Ambiente che si stanno svolgendo in tutto il mondo. Argomentazioni che ignorano i risultati degli Studi e le relative recenti Sentenze pronunciate dal Mondo Scientifico. Chiacchiere da bar – quelle dei Negazionisti – di fronte a un allarme di portata Mondiale.

Detto ciò, mai come ora l’esito dello scontro tra Oscurantisti e Neoilluministi si rivelerà determinante per il Futuro delle Generazioni che verranno.

Le prime ombre del crepuscolo su Salvini, su Donald Trump ed sul Piromane Jair Messias (sic!) Bolsonasro – seppure originate da ragioni diverse – possono autorizzare il sorgere di qualche timida speranza in una svolta culturale mondiale, quella stessa svolta culturale temuta e contrastata con tutti i mezzi dai Signori delle Multinazionali dei Quali il Presidente Usa è Servo e Socio e dei quali Salvini è soltanto un piccolo utile idiota. Un piccolo utile idiota che tuttavia dalle Nostre Parti può far danni…

Ps. Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.

27/09/2019 h.17.15