Supermoon: il 3 dicembre la Superluna torna nei cieli italiani

02 Dicembre 2017 0 Di Redazione In24

Il 3 dicembre prossimo è di nuovo la notte della superluna, l’unica visibile nel 2017: per guardarla il Virtual telescope offre la diretta web.

Supermoon: il 3 dicembre l’unica Superluna del 2017

Questo slideshow richiede JavaScript.

Torna dopo un anno di assenza torna anche nei cieli italiani la Superluna, l’unica visibile nel 2017. La Superluna si verifica quando il satellite della Terra si trova in fase di Luna piena in prossimità del proprio perigeo, ovvero la minima distanza dalla Terra. E quel giorno, per godere in tutta la sua bellezza lo spettacolo della Superluna nei cieli di Roma il Virtual telescope project offre la diretta sul web con il commento dell’astrofisico Gianluca Masi.

Il termine Superluna non è propriamente scientifico, perché gli astrofisici e gli astronomi parlano più asetticamente di Luna piena al perigeo. Ma già da molti anni, per tutti gli appassionati, quella che si vedrà nella notte del 3 dicembre prossimo è la Superluna 2017.

Quella notte, infatti, la Luna, che normalmente si trova a una distanza dalla Terra di circa 384 mila chilometri, arriverà il 4 dicembre quasi a sfiorare le nostre teste, si fa per dire, a “soli” 357 mila chilometri.

E sarà quella notte, dunque, già a partire dalle 17, che potremo vedere la Superluna in tutta la sua straordinaria ed affascinante bellezza, più vicina, più luminosa e più grande del solito.

Chi vorrà, potrà vedere la Superluna con il contorno del panorama preferito. Per vederla invece sul Colosseo, sulla cupola di San Pietro o su altri celebri monumenti di Roma, potrà collegarsi gratuitamente al sito del Virtual telescope project, una struttura tecnologicamente molto avanzata che è nata nel 2006 per dedicarsi alla ricerca e alla comunicazione scientifica e che offre il controllo remoto di una serie di telescopi attraverso internet.

Il Virtual telescope project ha già mostrato in diretta i più straordinari fenomeni astronomici, come è accaduto con le asteroidi che hanno sfiorato la Terra, le comete, supernovae, eclissi e piogge di meteore, ed altri fenomeni astronomici.

La notte del 3 dicembre, al Virtual telescope project ci sarà anche il commento dell’astronomo Gianluca Masi, che è il responsabile scientifico del progetto.

Tecnicamente, la Superluna si verifica ogni volta che il satellite si avvicina alla minima distanza alla Terra, ma se si trova in fase di luna nuova non è chiaramente visibile. Per osservare il fenomeno, infatti, occorre aspettare solo la Luna piena, e sempre che non si verifichi anche una eclissi di Sole, come accadde nel marzo del 2016.

Nel 2017, su quattro Superluna possibili, l’unica piena e visibile sarà proprio quella del 3 dicembre prossimo, che chiude il ciclo di quest’anno.

“La prossima “Superluna” apparirà circa il 7% più grande e un po’ più luminosa della media, ma solo un osservatore esperto potrà rendersene conto – spiega Gianluca Masi – perché si tratta di variazioni non proprio eclatanti, che tuttavia aggiungono fascino all’evento, preziosa occasione per ammirare il nostro satellite naturale nel contesto del cielo notturno, un paesaggio sempre più trascurato e dimenticato”.

La Luna Piena, e soprattutto la “Superluna” danno il massimo di sè al loro sorgere, ovvero al calar del Sole, o al tramonto, cioé all’alba (la Luna Piena brilla in cielo dalla parte opposta rispetto alla nostra stella, sicché essa sorge al tramonto del Sole e tramonta all’alba).

“Durante il crepuscolo – fa sapere ancora Masi – la luce solare residua consente di ammirare il paesaggio terrestre mentre la Luna piena si alza o cala sull’orizzonte”.

E addirittura, nel corso della notte, si potrà vedere una Luna particolarmente luminosa, quasi abbagliante, che contrasta con la tenue luminosità del panorama circostante. E se poi la vediamo sorgere dietro le sagome dei palazzi che conosciamo meglio, la vedremo, o meglio crederemo di vederla ancora più grande del solito, in virtù della illusione ottica provocata dalla presenza nel nostro campo visivo di altri elementi di paragone.

Il Virtual telescope, che ha a disposizione diversi satelliti e strumenti, offrirà uno spettacolo ancora più ampio: la Superluna seguita mentre sorge sull’orizzonte di Roma, e mentre passa sopra ai più celebri monumenti della Capitale.

La diretta della Superluna sarà disponibile in diretta si internet, il 3 dicembre 2017, a partire dalle ore 17, sul sito https://www.virtualtelescope.eu.