Svanita la paura per le elezioni politiche anticipate esplodono i giorni del Caos

Svanita la paura per le elezioni politiche anticipate esplodono i giorni del Caos

30 Gennaio 2020 0 Di Marino Marquardt

Palazzi, Pagnotte, Poltrone & Politica. Sono i giorni del Caos. Si scatenano Primi Attori e Comparse dopo lo scampato pericolo rappresentato dalle Elezioni Anticipate. La convinzione di avere messo al sicuro pagnotte e poltrone per il prossimo Triennio libera la fame di visibilità che non manca mai agli interpreti delle Forze Politiche. Rutto libero e liberi tutti. Se le possono suonare a cantare – i Beneficiati dalla Politica – tanto non finiranno sul lastrico, timore diffuso nei Palazzi prima del Voto Emiliano-Romagnole.

Matteo Salvini non ha vinto, svanito il rischio di spallata al Governo, dunque. In questo scenario, Centrodestra, Centrosinistra e Neutri Sacerdoti Cinquestelle del “Né Né” si attrezzano per tirare a campare e per come ingannare il tempo. E lo fanno nella maniera più rumorosa

Nel M5s volano gli stracci tra Astemi e Sacerdoti di Bacco; tra i cosiddetti Moderati si ravvivano le smanie di Protagonismo di Matteo Renzi e Carlo Calenda; dal Centrodestra filtrano spifferi sulle tensioni relative alla scelta dei Candidati alle Presidenze di Puglia e Campania; dalla Lega emergono preoccupazioni sull’eventuale logoramento di Salvini in seguito allo svanire delle Elezioni Polittiche Anticipate.

Scene di ordinarie Jacovelle; Sceneggiature per Personagggi senza qualità. Gli Stessi Personaggi senza qualità che all’ora del thè hanno affollato Palazzo Chigi per la ridefinizione dell’Agenda di Governo.

Battono tutti quei Cinquestelle Ortodossi testardamente contrari all’ipotesi di alleanza organica col Pd. Accade quando l’Imbecillità prende il sopravvento sulla Razionalità.

Il tutto mentre Beppe Grillo marca visita e continua a tacere. Il silenzio del Garante suona come un De Profundis per il M5s.

Ps. Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.