Un milione per il Papa, quattro gatti pro o contro l’Ue: la religione conquista il deserto degli ideali laici

Un milione per il Papa, quattro gatti pro o contro l’Ue: la religione conquista il deserto degli ideali laici

25 Marzo 2017 0 Di Marino Marquardt

Un milione di persone per il Papa, quattro gatti alle manifestazioni di Roma pro e contro l’Europa: accade quando la religione tenta la conquista del deserto degli ideali laici.

Un milione per il papa, la religione alla conquista del deserto degli ideali laici

Milano è in Italia, Roma è in Italia. Il Papa parla tutte le domeniche e feste comandate ai fedeli presenti in Piazza San Pietro. Tv di Stato e private ne diffondono le parole. Ascoltare il Papa non è dunque un evento eccezionale. Il Papa è alla portata di tutti. Il Papa è pret a portrait. Almeno in Italia.

Detto ciò risulta eccessivo, “eccezionalmente eccezionale” il milione di persone raccoltosi a Monza per un avvenimento che – per quanto detto prima – non aveva le caratteristiche dell’evento.

Evento certamente per le famiglie delle case popolari di Milano da Lui visitate; catalogabile come non evento per la marea umana presente nel parco monzese. Una partecipazione organizzata, una prova “muscolare” da parte dei depositari dell’ultima ideologia – quella religiosa – che attraverso diverse declinazioni fa riferimento alle Leggi dell’Invisibile. Accade quando l’ideologia religiosa tenta la conquista del deserto degli ideali laici.

Un sorprendente successo ecclesiastico nel giorno in cui a Roma quattro gatti si sono confrontati a distanza in cortei e al chiuso a favore o contro l’attuale Unione Europea. Il terrorismo mediatico dei giorni scorsi ha prodotto i suoi effetti in una giornata in cui il ministro dell’Interno Marco Minniti è stato beatificato urbi et orbi per il lavoro di prevenzione dei disordini fatto svolgere da polizia e carabinieri.

Resta da chiedersi perché la stessa attenzione il ministro non l’abbia mostrata in occasione della contestata manifestazione di Matteo Salvini a Napoli quando un centinaio di professionisti di violenze urbane misero sotto scacco per un intero poimeriggio il quartiere di Fuorigrotta.