Università delle Marche lancia il primo master in Logistica umanitaria

Università delle Marche lancia il primo master in Logistica umanitaria

15 Ottobre 2019 0 Di Pietro Nigro

Al via all’Università delle Marche il Master di Primo Livello in Logistica Umanitaria, l’unico di livello universitario in Italia, promosso insieme a Intersos, Emergency e Croce Rossa.

Università delle Marche, nasce il primo master in Logistica umanitaria

Apriranno a breve le iscrizioni del Master di Primo Livello in Logistica Umanitaria, il primo del genere in Italia, che prende il via all’Università delle Marche e che è stato organizzato insieme a Intersos, Emergency e Croce Rossa.

Si tratta di un percorso formativo specifico rivolto ai giovani aspiranti cooperanti e all’aggiornamento dei cooperanti di professione, che offre un impianto teorico e gli strumenti pratici per la complessa gestione della logistica nelle situazioni di emergenza.

Promosso e organizzato  dal Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche dell’Università Politecnica delle Marche, Responsabile Scientifico di questo progetto, in partenariato con INTERSOS, Croce Rossa Italiana, Emergency e Think Global, il Master nasce da un’idea del professor Maurizio Bevilaqua, della professoressa Claudia Paciarotti e del dottor Lodovico Mariani, che per primi hanno individuato la necessità di istituire in Italia un master in logistica a livello universitario, esperienza che nel nostro paese ancora mancava.

“Una scelta di valore che riafferma la nostra fiducia nella responsabilità sociale che la ricerca scientifica e la formazione universitaria sono chiamate ad assumere” sostiene il professor Maurizio Bevilaqua, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Industriale e scienze Matematiche dell’Università Politecnica delle Marche.

Al master, che durerà un anno accademico, partecipano relatori provenienti dal mondo universitario, operatori umanitari esperti, rappresentanti delle realtà aziendali coinvolte nelle azioni umanitarie.

“Competenze, consapevolezza e conoscenza sono le precondizioni di qualsiasi intervento, ancora di più nell’ambito della logistica umanitaria dove ogni minuto in più in meno può fare la differenza per la vita delle persone. Di qui l’impegno assunto dal nostro Ateneo, in collaborazione con importanti organizzazioni umanitarie, nell’elaborazione di un percorso didattico congiunto, volto alla formazione delle competenze necessarie dei futuri “professionisti della logistica” sostiene la professoressa Claudia Paciarotti dell’Università Politecnica delle Marche.

Nel piano di studio, 240 ore frontali, 5 moduli tematici, una settimana di simulazione pratica di una emergenza, webinar, esercitazioni pratiche e un tirocinio finale di 300 ore per l’elaborazione di una tesi da discutere a fine corso.

Questo e molto altro è il Master in Humanitarian Logistics che prenderà il via a gennaio ad Ancona e vedrà parte delle esercitazioni nella base UNHRD di Brindisi, massima espressione della logistica umanitaria in Italia.

“Non basta la buona volontà a fare un buon operatore umanitario. Dall’Afghanistan al Sud Sudan, dallo Sri Lanka allo Yemen, nelle emergenze legate ai conflitti o alle catastrofi naturali, mi sono reso conto di quanto la padronanza di competenze tecniche per l’utilizzo degli strumenti di ultima generazione per la risposta umanitaria, sia fondamentale per agire in maniera efficace e tempestiva e garantire a migliaia di persone il miglior soccorso possibile” dice il dott. Mariani, Esperto di aiuti umanitari e collaboratore dell’ateneo per la progettazione del Master. “Per questo abbiamo voluto mettere insieme un team di esperti in varie discipline a supporto degli studenti, per offrire loro competenze che possano non solo formare la nuova generazione di operatori umanitari, ma anche fornire aggiornamenti a chi questo mestiere lo pratica da anni.”

Il Master durerà un anno, sarà tenuto in inglese ed è destinato ad un massimo di 25 partecipanti.

“L’investimento di INTERSOS in questa nuova scommessa è stato grande. L’intento è quello di contribuire a qualificare operatori in grado di rispondere alle sfide articolate poste da uno scenario internazionale sempre più complesso e di accrescere la capacità di risposta delle organizzazioni impegnate nel settore” dichiara Davide Berruti, Personnel Development Coordinator di INTERSOS.