Vendemmia: sei tour d’autunno nei migliori luoghi del vino

Vendemmia: sei tour d’autunno nei migliori luoghi del vino

15 Ottobre 2017 0 Di Francesca Pierpaoli

Autunno: è tempo di vendemmia, vino e passeggiate all’aria aperta, ma anche l’occasione per concedersi un romantico week end di degustazione.

Ecco allora un itinerario alla scoperta dei luoghi d’eccellenza del vino in Italia. Sei tappe da percorrere in treno o in autobus, che toccano Piemonte, Veneto e Toscana, dove ammirare la bellezza delle città e del paesaggio autunnale gustando i migliori prodotti del territorio. Per raggiungere queste destinazioni ci si può affidare a GoEuro, la piattaforma di viaggi che permette di cercare e prenotare treni, autobus e voli in tutta Italia ed in Europa.

Piemonte: da Torino ad Asti. Le fresche giornate autunnali sono perfette per una passeggiata nelle eleganti vie del centro storico o nel Parco del Valentino, ancora più affascinante quando gli alberi si accendono di tutte le tonalità del giallo e del rosso. Da Torino, in poco più di mezz’ora di treno si raggiunge Asti, il cui nome è spesso associato a quello dei suoi vini, dal Barbera allo Spumante. In occasione della vendemmia e della festa di San Martino, molte cantine apriranno le loro porte per eventi e degustazioni, come l’Azienda Agraria “la Favorita”. E’ il momento perfetto per godere del paesaggio di questa zona d’Italia, tra Langhe e Monferrato, caratterizzato da dolci colline coltivate soprattutto a vite, e per gustare i prodotti tipici come la bagna cauda o i tajerin al pregiato tartufo bianco d’Alba.

Piemonte: da Asti a Novi Ligure. L’itinerario prosegue nelle terre dell’alto Monferrato, fino a Novi Ligure. A piedi o in bicicletta, si possono visitare le cantine, scenograficamente immerse tra le colline, dove vengono prodotti i vini più tipici della zona, come il Gavi DOCG o il Monferrato DOC. Alcuni indirizzi da non perdere sono, ad esempio, la Tenuta La Marchesa o l’Azienda Agricola Biodinamica La Raia.

Veneto: da Novi Ligure a Verona. Dal Piemonte ci si sposta in Veneto, fino a Verona. Monumento storico vivente, città celebrata da Shakespeare e palcoscenico di grandi opere e concerti nell’Arena, Verona non smette di sorprendere. Dopo un tuffo nella storia e nella cultura, la città regala anche grandi piaceri per il palato e prodotti di alta qualità. Il veronese, infatti, è una delle zone in cui il vino si produce nel pieno rispetto della natura, seguendo gli standard biologici. In Valpolicella, per esempio, non si ha che l’imbarazzo della scelta. Anche nei dintorni della stessa Verona le cantine in cui gustare i vini DOCG e DOC della zona sono tante, una fra tutte è la Cantina Corte San Mattia, dove è possibile provare prodotti bio a km zero.

Veneto: da Verona a Conegliano. Non può mancare, poi, una tappa a Conegliano, nel cuore delle valli del prosecco. Qui è possibile seguire la “Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene”, un percorso che abbina eccellenza enogastronomica, storia e bellezza del paesaggio naturale. Tra le numerose cantine, si segnala ad esempio la Carpené Malvolti, tra le più apprezzate d’Italia.

Toscana: da Conegliano a Firenze. Dirigendosi verso sud si arriva a Firenze. D’obbligo una passeggiata lungo l’Arno o una visita agli Uffizi, prima di proseguire il percorso del vino che conduce nelle campagne fiorentine, dove seguire percorsi di trekking e mountain bike e visitare le numerose cantine produttrici di Chianti, Carmignano e Pomino, come la celebre Cantina Antinori, che si caratterizza anche per la sua architettura avveniristica.

Toscana: da Firenze a Grosseto. Proseguendo ancora verso sud si arriva a Grosseto, nella Maremma, che nella stagione autunnale si offre in tutto il suo splendore con colline coltivate a vite che declinano sul mare. Negli agriturismi e cantine della zona, come la Val delle Rose, si gustano i vini del territorio, dal Morellino di Scanzano al Vermentino, abbinati ai genuini prodotti gastronomici dell’area, come caggiagione, tartufo nero, salumi.

Info: per maggiori informazioni e per itinerari interessanti anche in Francia e Spagna potete visitare questo link