Viola Ribery-dipendente. Montella non rischia: ecco cosa gli verrà chiesto per la sosta

Viola Ribery-dipendente. Montella non rischia: ecco cosa gli verrà chiesto per la sosta

11 Novembre 2019 Off Di Adriano Cotugno

Secondo La Nazione, non cambia la posizione dell’allenatore. Ma Pradè e la società chiederanno al tecnico di lavorare sulla testa e di cambiare qualcosa.

La Fiorentina si sta rivelando sempre più Ribery dipendente. L’assenza del talento francese pesa sul piano della personalità e pesa sulla manovra offensiva. Montella dovrà essere bravo, sfruttando anche lo stop al campionato ma con all’orrizzonte un’altra trasferta insidiosa (a Verona), a ridare ossigeno e la giusta programmazione a una Fiorentina che sta perdendo consistenza e ieri è rimasta in balia della velocità e del contropiede del Cagliari senza dare segnali di reazione. Così scrive La Nazione.

L’ALLENATORE. Nel metodo e nello stile della Fiorentina, nonostante il passo indietro e la prospettiva di una fase della stagione non semplice, la posizione di Montella rimane quella di sempre. Resta il fatto che – come annunciato ieri dal ds Pradè – prima che il campionato si rimetta in moto, la dirigenza viola parlerà alla squadra con l’obiettivo di scuotere il gruppo e di far tornare a galla le sensazioni positive vissute nei mesi scorsi. A Montella si chiederà di lavorare sia sul piano psicologico, sia su quello tattico e questo potrebbe comportare, visto anche il ritorno in campo di Ribery, alla trasformazione del 3-5-2 in un meno prevedibile 4-3-3 che comporti, soprattutto in fase offensiva, maggiore forza e maggiore concretezza, aggiungendo alla coppia Chiesa-Ribery un attaccante con Vlahovic ormai favorito rispetto a Pedro.

L’articolo Viola Ribery-dipendente. Montella non rischia: ecco cosa gli verrà chiesto per la sosta sembra essere il primo su fiorentina.it.