Crisi del Napoli, strada obbligata per Adl: corra a Canossa

Crisi del Napoli, strada obbligata per Adl: corra a Canossa

16 Dicembre 2019 0 Di Pietro Nigro

Dal settimo all’ottavo posto in condominio con Milan e Torino. Il Napoli è più vicino al baratro che alla zona Champions o alla zona Europa League.E non sarà l’annunciato arrivo di Torreira, il centrocampista dell’Arsenal, ad assicurare il superamento della crisi di gioco e di risultati.La strada da percorrere per uscire dal delicatissimo momento è soltanto una: il Presidente-Padrone ADL – primo responsabile dello sfascio della squadra – deve precipitarsi ad andare a Canossa. Ovvero deve correre – senza il Figlio – a Castelvolturno e parlare con i Giocatori. Sono loro che hanno il coltello dalla parte del manico almeno fino al termine della stagione, con loro De Laurentiis deve trattare In caso contrario gli errori in campo – non sanzionabili con multe – si moltiplicheranno con ulteriori conseguenze sulla classifica e sul proseguimento dell’Avventura in Champions, proseguimento che – visti i chiari di luna – al momento appare molto improbabile.De Laurentiis deve cercare di rimettere insieme i cocci da Lui stessi provocati. Tanto per cominciare, ADL deve confermare Dries Mertens, giocatore indispensabile al Napoli soprattutto in questo momento. ADL deve poi tranquillizzare i suoi Dipendenti assicurando che non avvierà alcuna vertenza sul danno d’immagine derivato dall’ammutinamento del Dopo-Salisburgo, ammutinamento provocato da scellerata scelta del Signor Padrone di spedire la squadra in ritiro per una settimana. E deve tranquillizzare i giocatori per iscritto. Deve chiarirsi con Josè Maria Callejon, con Lorenzo Insigne e con Marques Loreiro Allan. Tre mosse che potrebbero conferire la svolta alla stagione del Napoli. Tre mosse senza le quali il Napoli rischia il naufragio alle spese dei tifosi e dell’incolpevole Rino GattusoPs. Avviso agli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dalla scrittura corrente sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. Amen!16/12/2019 h.10.00