No Tav, le argomentazioni di Di Maio indicano come ormai lo Stesso sia alla frutta

No Tav, le argomentazioni di Di Maio indicano come ormai lo Stesso sia alla frutta

31 Luglio 2019 0 Di Marino Marquardt

La povertà delle argomentazioni di Luigi Di Maio nell’ultimo video fai da te postato su Fb è lo specchio della inconsistenza politica di questo Capo politico dei Cinquestelle.

Il Capo Cinquestelle, volesse fare sul serio, aprirebbe la crisi di Governo

Di Maio volesse fare sul serio – e fosse dotato dei necessari attributi – sulla Tav aprirebbe la crisi di  Governo e non si lascerebbe andare in penose performances lessicali. E non annuncerebbe battaglie parlamentari perse in partenza.

Inqualificabile poi sostenere – nello stesso video fai da te – che Salvini sulla Torino Lione sposerebbe la stessa battaglia sostenuta dal Pd. Una idiozia dal momento che in merito Pd e Lega hanno la stessa dichiarata linea da tempo! Come una idiozia è tirare in ballo la Sea Watch e la Capitana Coraggiosa Carola – difesa dal Pd – “che aveva tentato di speronare imbarcazione della Guardia di Finanza”.

Da queste chiacchiere – povere di contenuti politici e ricche di banalità – si deduce che il Giggino da Pomigliano sia giunto veramente alla frutta!

Lasci perdere le dirette Fb e i video fai da te. Ne aggravano la sua già precarissima posizione…

Intanto sale la tensione tra i Soci di Governo all’ombra delle liti su Flat tax, Giustizia, Autonomie, Sicurezza bis.

Spifferi e rumors si rincorrono da un Palazzo all’altro. E riferiscono – come è noto – sulle crescenti incomprensioni tra i Cofirmatari del Contratto di Governo.

Soffia insomma un’aria pesante attorno a Palazzo Chigi. Tanto che c’è chi scommette che tra non molto un pugno di sabotatori grillini manderà tutto all’aria.

Le Cassandre non hanno dubbi: sarà l’Ammutinamento di pochi coraggiosi Cinquestelle ad affossare il Decreto Sicurezza Bis. E con esso il Governo. Sempre che – ovviamente – non intervengano in soccorso le truppe della Ducetta di Trastevere o qualche Responsabile berlusconiano…

Il voto di Fiducia in programma la settimana prossima – secondo bene informate voci di dentro – non dovrebbe ottenere il Via Libera del Parlamento. E accada quel che accada, sussurrano Quelli che non reggono più Luigi Di Maio nel ruolo di zerbino di Matteo Salvini.

E’ indubbiamente una scommessa ardita, questa. E’ una scommessa che va contro il Principio Universale del Tengo Famiglia, Principio che da sempre muove i Parlamentari; è una scommessa che va contro le quotazioni della Pagnotta, della Poltrona e del Mutuo Casa recentemente acceso dai neoparlamentari presso gli Istituti di Credito di casa a Palazzo Madama e a Montecitorio.

Si scommette sul 7 agosto come giorno del Big Bang…

L’Ammutinamento è nell’aria e tra i Cinquestelle la voglia di Insubordinazione è forte verso le disposizioni di Chi non ha più l’Autorevolezza per impartirtle e per farle eseguire… E’ ad un passo dall’implosione il M5s… In tanti, in troppi si son rotte le scatole della Premiata Ditta Casaleggio jr-Di Maio. Il 7 agosto il giorno dell’eventuale Big Bang

Inutile dire che in questo scenario per il Capo dello Stato Sergio Mattarella si profila una estate di lavoro. Sempre che Qualcuno in questi giorni non provveda a distribuire manciate di Valium a Destra e a Manca…

31/07/2019  h.13.20