Home Politica Politica italiana Centrodestra: da Trieste la Meloni detta le condizioni agli alleati

Centrodestra: da Trieste la Meloni detta le condizioni agli alleati

Giorgia Meloni al congresso di Fratelli d'Italia di Trieste del 2 dicembre 2017 (ph. La7).

La Meloni dal congresso del suo partito, da Trieste, detta le condizioni ai due alleati del centrodestra, Salvini e Berlusconi.

Da Trieste la Meloni detta le condizioni agli alleati del Centrodestra

Non si fida degli alleati, Giorgia Meloni. E mentre Matteo Salvini teme sgambetti da parte di Silvio Berlusconi, la leader di Fratelli d’Italia non si fida di entrambi. Teme di fare la fine del classico vaso di coccio…

Amici-nemici, fratelli-coltelli. L’unità del Centrodestra al momento è soltanto apparenza ed è fondata sul puro calcolo. Ma i conti ai contraenti dell’alleanza sembrano non tornare.

Salvini – come è noto – vuole portare Berlusconi dal notaio per siglare precise condizioni scritte, la Meloni dal congresso del suo partito, da Trieste, detta le condizioni ai due Interlocutori:

  • Programma condiviso,
  • clausola anti-inciucio
  • e liste pulite.

Tre punti che creeranno imbarazzi soprattutto a Berlusconi impegnato come è a coltivare due campi, quello del Centrodestra e quello renziano.

Condizioni, queste dettate dalla Meloni, che si sposano con quelle indicate da Salvini. Un brutto affare per l’Uomo di Arcore.

Non bastasse, anche la Meloni e Salvini hanno iniziato a guardarsi con sospetto. Soprattutto la Meloni teme l’insincerità del leader leghista.

Non a caso da Trieste il messaggio parte chiaro è forte:

“Noi chiediamo tre cose agli alleati: un programma che dica prima cosa si farà agli italiani. Vogliamo chiarezza da chi pensa che la Merkel sia un interlocutore o chi sull’unità d’Italia ancora un po’ tentenna. Poi vogliamo coerenza, con la clausola anti inciucio. Nessuna intesa con il Pd ma nemmeno con i grillini. Infine una selezione sulle liste elettorali. Propongo alla coalizione di istituire una commissione per vagliare le candidature, questo lavoro non lo deve fare la magistratura ma la politica”.

Parole chiare che esigono risposte altrettanto chiare. Staremo a vedere…