Profumi, un mercato che cresce del 5,9 per cento all’anno

Profumi, un mercato che cresce del 5,9 per cento all’anno

01 Novembre 2016 0 Di Pietro Nigro

Il mercato mondiale dei profumi crescerà nel prossimo decennio a un tasso del 5,9 per cento annuo: lo dice l’ultimo rapporto del centro studi Future market insight.

Cresce il mercato mondiale dei profumi

Il mercato mondiale dei profumi e delle fragranze, che a fine 2016 dovrebbe valere 39,67 miliardi di dollari, crescerà nei prossimi dieci anni del 5,9 per cento all’anno. A sostenerlo, Il Mercato dei profumi, analisi sull’industria mondiale 2016-2026 del centro studi Future market insight.

Il mondo dei profumi è uno dei più importanti settori dei beni di consumo a cavallo tra i prodotti per la cura della persona e i prodotti voluttuari e di lusso. Al suo interno, una vasta congerie di prodotti, composti di oli e componenti aromatici, in soluzione con acqua o alcohol, usati per migliorare l’odore del corpo.

L’industria del profumo viene da alcuni anni di profondi cambiamenti ed innovazioni che hanno profondamente modificato l’assortimento dei prodotti disponibili. Basti pensare alla comparsa degli spray da viaggio e alle confezioni con il roller al fianco delle tradizionali bottigliette a spruzzo, e soprattutto alla crescente diffusione di prodotti con ingredienti naturali piuttosto che sintetici.

Tutto ciò sta spingendo il mercato dei profumi, che si allarga ad includere sempre più aree geografiche un tempo marginali o del tutto inesistenti.

 

La stima del Rapporto di Future Market Insights si riferisce al fatturato globale dell’industria del settore, il cui tasso globale composito di crescita è stimato nel 5,9 per cento.

A spingere la domanda saranno soprattutto i Millennials, insieme alla crescita complessiva della domanda di prodotti di bellezza e per la cura della persona, che i produttori di tutto il mondo stanno aiutando con strategie spinte di marketing e di penetrazione del mercato, come conferma ad esempio la sempre maggiore diffusione di prodotti di profumeria nelle catene di vendita al dettaglio e in generale l’ampliamento delle gamme di prodotto in diversi segmenti di prezzo. Di contro, gli esperti individuano due minacce rilevanti, la disponbilità di prodotti contraffatti e la suggestione negativa dell’utilizzo di componenti di origine chimica.

Il mercato dei profumi include in realtà diverse categorie di prodotto: eau de toilette, eau de parfum, eau de cologne e eau fraiche. La quota maggiore del mercato, e la migliore prospettiva di crescita, spetta all’eau fraiche, identificato come il prodotto privo di ingredienti sintetici. Per questo sempre più aziende tendono a proporre la versione eau fraiche delle loro fragranze più popolari. A fine 2016 questo segmento rappresenterà oltre il 50 per cento del mercato, ed il suo valore complessivo dovrebbe crescere a un tasso annuo del 7,9 per cento. Secondo, il mercato dell’eau de toilette. A sua volta, il segmento eau de cologne dovrebbe crescere con un tasso del 7,0 per cento, sempre su base annua.

 

Per quanto riguarda i segmenti di consumatori, a crescere di più sarà soprattutto il profumo unisex, con tassi del 6,9 per cento, seguito dal settore dei profumi da donna, che nel decennio scorso è cresciuto del 4 per cento e che nel prossimo invece crescerà del 5,2 per cento annuo soprattutto nell’area Asia Pacifico. Il profumo da uomo, invece, rappresenta circa il 34,9 per cento del mercato.

Per quanto riguarda i canali di distribuzione e vendita, gli analisti prevedono un vero e proprio boom delle vendite on line, con i grandi player attirati dai suoi elevati livelli di profitto e che puntano tutto sulle partnership con le piattaforme di e-commerce. Ma la vendita nei canali tradizionali è comunque accreditata di una quota di mercato dell’80 per cento almeno fino a fine 2016 e resterà maggioritaria anche negli anni a venire.

Per quanto riguarda la composizione dei profumi, la crescente preoccupazione dei consumatori riguardo all’utilizzo di sostanze chimiche ha indotto tutti i produttori a spingere sull’acceleratore dei prodotti naturali. Per questo motivo, i profumi con ingredienti naturali, che a fine 2016 pesano circa il 18,9 per cento del mercato, sono il segmento che dovrebbe avere i maggiori tassi di crescita, dell’ordine del 7,9 per cento annuo.

Per quanto riguarda le macro aree di mercato, lo studio evidenzia che è l’Europa occidentale a trainare il settore, con i suoi 10 milioni di dollari di fatturato nel 2015), e che insieme Europa occidentale e America del nord rappresentano il 50,8 per cento del fatturato globale, mentre l’area emergente Asia Pacifico escluso il Giappone, crescerà a un tasso annuo del 10,2 per cento nel prossimo decennio, seguita dal mercato dell’America Latina, Medio Oriente e Africa.

A dominare il mercato mondiale sono soprattutto i grandi player come Estee Lauder Companies Inc., LVMH, Coty Inc., L’Oreal international, Elizabeth Arden Inc., Shiseido Co. Ltd., Puig, Perfumania Holdings Inc., Avon Products Inc., e Hermes.

E dal rapporto emerge la tendenza di tutti i grandi gruppi a rafforzare la loro presenza in tutte le aree geografiche ed ampliare la loro quota di mercato con acquisizioni strategiche di nuovi marchi, così come crescono gli investimenti sulle piattaforme di vendita on line, necessarie per stare al passo con le più recenti tendenze di acquisto.