Affaire Consip, Gasparri conferma i soldi ricevuti da Romeo

Affaire Consip, Gasparri conferma i soldi ricevuti da Romeo

08 Maggio 2017 0 Di Marino Marquardt

Incidente probatorio a Regina Coeli: l’ex dirigente Consip Marco Gasparri conferma di aver ricevuto 100mila euro da Romeo per le dritte sugli appalti.

 

Affaire Consip. Gasparri conferma soldi da Romeo

Affaire Consip, qualcosa torna a muoversi. E mentre Alfredo Romeo condivide dal primo marzo una cella di Regina Coeli con Stefano Ricucci, uno dei “furbetti del quartierino”, Marco Gasparri canta davanti ai magistrati nel corso dell’incidente probatorio di oggi..

“Ho preso 100mila euro da Alfredo Romeo per garantirgli consigli e informazioni sulle gare bandite in Consip“, conferma l’ex dirigente Consip Marco davanti al gip di Roma Gaspare Sturzo.

Un interrogatorio durato circa 5 ore, troppo. Gasparri è indagato per concorso in corruzione assieme al Re Mida degli appalti, l’imprenditore napoletano di origini casertane Alfredo Romeo già con all’attivo numerose noie giudiziarie.

Personaggio chiacchierato, non si esclude che Romeo – sopraffatto dalla nostalgia per la casa che si affaccia sul mare di Posillipo – possa decidersi a vuotare il sacco.

Quello di oggi è stato il terzo interrogatorio tenuto da Gasparri in cui afferma di avere ricevuto, dal 2012 al 2016, un totale di 100 mila euro da parte di Romeo.

Gasparri, quando fu ascoltato a dicembre scorso dai pm di piazzale Clodio, affermò che “i rapporti con Romeo iniziarono ad essere stabili dal 2013 con una prima dazione di 5.000 euro, dal 2014 in poi i versamenti diventarono sempre più frequenti”.

In cambio l’ex dirigente Consip forniva notizie relative ai bandi di gara e pratiche amministrative da mettere in atto.

Come è noto nell’inchiesta sono coinvolti anche Tiziano Renzi, babbo del confermato segretario del Pd, il ministro dello Sport Luca Lotti e l’ex parlamentare di An e Fdi, Italo Bocchino, nelle vesti di faccendiere di Romeo.