Brusca frenata, niente evoluzione. E un attacco fatto di equivoci

Brusca frenata, niente evoluzione. E un attacco fatto di equivoci

11 Novembre 2019 Off Di Redazione In24

La disfatta di Cagliari mette a nudo le difficoltà della Fiorentina, che ha cambiato tanto sì ma che non ha mostrato una crescita nelle settimane.

Dopo 12 partite la Fiorentina ha un punto in meno dell’anno scorso, ci può stare in una stagione di assestamento e non è questo il problema avendo la squadra cambiato otto titolari su undici; il punto è l’evoluzione che non c’è stata principalmente per gli equivoci in attacco, un reparto che si è retto per la buona intesa fra Chiesa e Ribery nel filotto di partite fra la Juventus (14 settembre) e il Brescia (21 ottobre): sei gare in cui hanno giocato sempre gli stessi e con lo stesso modulo con due esterni offensivi riadattati a fare gli attaccanti a tutto tondo. Così scrive La Nazione.

SERVE UNA PUNTA. E gli attaccanti veri (Vlahovic, Boateng falso nove e Pedro in ritardo di condizione) non hanno mascherato l’assenza di un protagonista che tutti gli allenatori vorrebbero: la punta che sa far male nelle situazioni complicate. La Fiorentina ha 15 giorni di tempo per capire i suoi problemi e uscirne confrontandosi sui giocatori da valorizzare meglio, oppure nella prima riunione di mercato sarà il caso di puntare i fari per individuare un attaccante affidabile a gennaio. Il colpo che è mancato durante il mercato estivo.

L’articolo Brusca frenata, niente evoluzione. E un attacco fatto di equivoci sembra essere il primo su fiorentina.it.