Il Governo Conte Due ottiene la Fiducia delle Camere. Salvini ruggiti circensi a Palazzo Madama

Il Governo Conte Due ottiene la Fiducia delle Camere. Salvini ruggiti circensi a Palazzo Madama

10 Settembre 2019 0 Di Marino Marquardt

Parla di Stile, di Cultura, di Civiltà, lo Statista del Papeete. Parla a vanvera senza conoscere il significato profondo e la storia che le parole racchiudono e rappresentano. E tra consunti slogan e avvertimenti della serie “dovrete prima passare sui nostri corpi”, il Disco Rotto Leghista si inceppa sulla vera Paura di Matteo Salvini, quella rappresentata dalla Legge elettorale alla quale il Governo intende mettere mano quanto prima.

La nuova Legge elettorale è l’incubo del Capo del Carroccio

Sa – il Leader della Lega – che la Nuova Normativa finirà col metterlo fuori gioco. A meno che non corra ad Arcore col capo cosparso di cenere per tentare di ricucire l’Alleanza col Padrone di Casa. Sempre che Silvio sia disposto ad ascoltarlo… L’Immarcescibile potrebbe infatti già da ora avere altro per la testa. Come ad esempio la nascita di un Contenitore Centrista con Matteo Renzi e Pierferdinando Casini.

Isolato in Italia e in Europa, l’ex Ministro del Papeete dovrà rassegnarsi a recitare         il ruolo del leone da circo, quello che per sopravvivere è costretto ad emettere ruggiti a comando per eccitare le Incolte e Primitive Platee.

La nuova Legge elettorale – vedrete – lo seppellirà politicamente.

In materia di ruggiti circensi, da segnalare quelli della Capogruppo di FI Annamaria Bernini. Ruggiti tesi a coprire le manovre in atto nel retrobottega Renzusconiano.

Lo scontato gioco delle parti termina – come avrebbe detto Giacomo Leopardi – in sul calar del sole.

L’Aula vota la Fiducia, il Governo Conte è promosso con 169 voti a favore, 133 voti contrari e 5 astenuti. Con tanti saluti all’Uomo del Papeete…

Ps. Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.

 

10/09/2019  h.19.10