Inter in crisi e c’è un “caso Icardi”. Roma e Milan le anti-Juve

Inter in crisi e c’è un “caso Icardi”. Roma e Milan le anti-Juve

16 Ottobre 2016 0 Di Marco Martone

De Boer perde in casa con il Cagliari. Male anche il Napoli ko con la Roma al San Paolo. Ora Spalletti e Montella braccano la capolista.

Il tonfo di Napoli e Inter, la risalita del Milan e la conferma di una Roma sempre più lanciata verso la solita Juventus, che vince senza brillare. Sono i temi principali di questa giornata di campionato, che si completerà con il posticipo tra Palermo e Torino. La copertina la merita certamente la squadra di De Boer, in piena crisi dopo l’ennesima sconfitta, questa volta contro il Cagliari (1-2), tra le mura amiche.

I nerazzurri sono solo la parodia di una grande squadra. Il cambio in panchina, da Mancini all’olandese, non ha prodotto alcun tipo di miglioramento e adesso la situazione, per il nuovo tecnico, sembra già essere molto delicata. Come se non bastasse, poi, c’è di mezzo anche la questione Icardi, che dopo aver fatto infuriare i propri tifosi, ha anche sbagliato un calcio di rigore sul risultato di 0 a 0. Il giocatore argentino, reo a detta degli ultras, di aver scritto nella sua biografia frasi ingiuriose e false nei confronti della torcida della curva, è stato anche vittima di un’aggressione al suo rientro a casa.

Le cose non sono andate molto meglio al Napoli, incappato nella seconda sconfitta consecutiva, questa volta al San Paolo contro la Roma (1-3). Le scelte di formazione adoperate da Sarri non hanno convinto appieno e l’assenza dell’infortunato Milik comincia già a farsi sentire in maniera pesante.

La Roma, trascinata da Dzeko, ha approfittato di un avversario scialbo, sbiadito e poco lucido, portando meritatamente a casa i tre punti che la proiettano al secondo posto in classifica. Davanti c’è sempre la Juventus, (2-1 a una bella Udinese), cui è bastato un super Dybala per aggiudicarsi la partita e proseguire la fuga scudetto. A 16 punti, assieme ai giallorossi, c’è il Milan di Montella, corsaro a Verona con il Chievo (1-3). L’impressione è che con l’aeroplanino alla guida tecnica i rossoneri possano essere la vera mina vagante della stagione. Tutto quello che non sembra essere più la Fiorentina, che non va oltre uno scialbo 0-0 in casa con l’Atalanta e che brancola nelle zone basse della classifica.

Il resto della giornata ha visto il rocambolesco pareggio su rigore (inesistente), al 97esimo, della Lazio con il Bologna (1-1), l’altro pareggio sempre per 1-1 tra Pescara e Sampdoria e  lo 0-0 tra Genoa e Empoli. Torna alla vittoria, invece, il Sassuolo (2-1 al Crotone). La squadra di Di Francesco, senza i punti di penalizzazione, sarebbe tra le primissime della classe.