Motocicli, allarme Ancma: Covid frena anche il mercato delle due ruote

Motocicli, allarme Ancma: Covid frena anche il mercato delle due ruote

03 Febbraio 2021 Off Di Redazione In24

Allarme di Ancma Confindustria: Il mercato dei motocicli inizia in frenata per le misure anti covid. A gennaio, -18,2 per cento.

Motocicli, mercato in frenata

Il mercato dei motocicli inizia l’anno in frenata, con un calo a gennaio del -18,2 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. E per Ancma Confindustria, l’associazione delle imprese produttrici, si sconta l’effetto delle misure di contrasto all’epidemia di Covid-19.

Calano dunque a gennaio le immatricolazioni di moto, scooter e ciclomotori. E nel comunicato diffuso oggi, l’Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori), ha indicato tra le cause “il prolungamento delle misure di contenimento della pandemia e il perdurare dell’emergenza sanitaria, oltre che il ricorso al telelavoro che ha limitato gli spostamenti, soprattutto nei contesti urbani”.

“Fattori che, insieme a un contesto economico incerto e a un andamento climatico del mese particolarmente freddo,
hanno inciso in particolare sul mercato di scooter e ciclomotori, anche se – ha aggiunto il presidente di ANCMA– è
doveroso sottolineare che il settore si confronta con un gennaio 2020 che si era rivelato positivo”.

Entrando nel dettaglio dei dati, il mercato di gennaio dei veicoli immatricolati (scooter e moto) segna una flessione del 16 per cento rispetto allo stesso periodo del 2020, con 12.298 mezzi venduti. A trascinare verso il basso il mercato sono gli scooter, che subiscono un calo del 22,98% pari a 6.015 veicoli immatricolati, mentre le moto targano 6.283 mezzi e perdono l’8,10% del loro mercato.

Particolarmente critica la situazione dei ciclomotori: per i “cinquantini” il calo è addirittura del 36% pari a 1.141 veicoli immessi sul mercato, a causa anche di una forte flessione dell’elettrico, che rappresenta ormai un quarto del loro mercato. Complessivamente, il mercato nel primo mese dell’anno totalizza 13.439 veicoli, 2.992 in meno rispetto allo scorso anno, per una flessione dell’18,21%.

Per quanto riguarda il mercato dei motocicli elettrici, che nel mese di gennaio 2020 aveva registrato un cospicuo acquisto i “flotte”, nel complesso, nel primo mese del 2021 le “emissioni zero” totalizzano 485 veicoli immatricolati, pari a una flessione del 60,57%.

Nel dettaglio, i ciclomotori fanno registrare un calo del 66% e 263 veicoli venduti, gli scooter cedono il 57% con 188 mezzi immatricolati, mentre le moto chiudono il mese in positivo, targando 34 moto e raddoppiando i volumi dello scorso anno (+100%).

Di seguito l’analisi dettagliata del mercato di motocicli e scooter per fasce di cilindrata e segmento.

Scooter, confronto gennaio 2020-2021 e variazione percentuale

  • Cilindrata fino a 125 cc., 2.839 , 2.839 contro 2.829 (-0.35%),
  • Cilindrata da 251 a 500 cc., 2.602 contro 1.468 (-43,58%),
  • Cilindrata da 126 a 250 cc., 1.378 contro 1.061 (-23,00%),
  • Cilindrata oltre 600 cc., 443 contro 449 (1,35%),
  • Cilindrata da 501 a 600 cc., 548 contro 208 (-62,04%).

 Moto, confronto gennaio 2020-2021 e variazione percentuale

  • Cilindrata oltre 1.000 cc., 1.935 contro 1.488 (-23,10%),
  • Cilindrata da 251 a 500 cc., 1.318 contro 1.409 (6,90%),
  • Cilindrata da 751 a 1.000 cc., 1.522 contro 1.308 (-14,06%),
  • Cilindrata fino a 125 cc., 816 contro 924 (13,24%),
  • Cilindrata da 501 a 750 cc., 962 conto 903 (-6,13%),
  • Cilindrata da 126 a 250 cc., 284 contro 251 (-11,02%).