Movida, birra & stronzetti. Per i Giovani tutto è come prima. E’ l’inquietante bilancio del primo week end all’insegna del liberi tutti

Movida, birra & stronzetti. Per i Giovani tutto è come prima. E’ l’inquietante bilancio del primo week end all’insegna del liberi tutti

25 Maggio 2020 0 Di Marino Marquardt

Nulla sarà più come prima, ci avevano detto Sociologi, Psicologi, Economisti & Compagnia Bella…

Nulla sarà più come prima – conviene Chi scrive – per Quanti hanno perso il Lavoro e non dispongono di Risorse Economiche a cui attingere, nulla sarà come prima per i Piccoli Imprenditori con le rispettive Attività in ginocchio, nulla sarà più come prima per Quanti dell’Arte di Arrangiarsi avevano fatto fonte di sostentamento.

La Previsione non aveva però contemplato la Licenza di Libera Stronzaggine di cui godono i Movidaioli, ovvero quei Giovani che per dimostrare a Se Stessi e agli Altri la prova delle rispettive esistenze violano le Regole, oltraggiano il Senso Comune, attentano alla Salute e alla Economia del Paese.

Per Costoro – ostaggi di una moda e di una cultura di massa finalizzata all’Effimero – tutto è come prima. Tutto deve essere come prima. Lo dimostrano le immagini del primo week end all’insegna del Liberi Tutti tra Contraddizioni, tra Regole diversificate per Territori, tra Rigore e tra Violazioni delle Disposizioni in materia di Distanziamento Sociale.

Dalle 23 in poi cambia la scena e tutto torna come prima, dunque. E ciò nonostante la chiusura anticipata di Bar e Baretti. Una sorta di Rito Pagano Giovanile all’insegna del Movideggio Ergo Sum.

D’accordo, tutti siamo stati giovani, tutti siamo stati un po’ stronzi. Un po’ tutti abbiamo offerto il Nostro Contributo all’Effimero e alla Moda del Tempo. Lo abbiamo fatto sollecitati anche dalla spinta del Miracolo Economico, dalla spinta della prima Cinquecento acquistata a rate con Contratto Universitario, dalla spinta della nascita delle prime Discoteche e dei primi Alexander che ci facevano sentire Uomini di Mondo… Ma erano Tempi Felici, Anni della Spensieratezza in cui anche la Polio – il più temibile Male degli Anni Cinquanta – fu costretta ad arrendersi di fronte alla scoperta di Albert Bruce Sabin. In questo contesto in fondo fare un po’ gli stronzetti poteva anche essere lecito… Nient’altro che un Peccatuccio di Gioventù…

Detto ciò, non è consentito essere stronzi oggi, con Pandemia non ancora debellata. E la Stupidità non può essere Triste Accessorio della Giovane Età. Non può essere una attenuante.

Movida e Stronzaggine al tempo del Coronavirus.  Detto in altri termini i Due Elementi rappresentano lo specchio di un Paese culturalmente appiattito e incapace di sviluppare consapevolezza nelle Giovani Generazioni.

Colpa dei Padri, dei Nonni e – quindi – anche di Chi Scrive. E siatene certi, non saranno i Sessantamila Volontari Civici a dissuadere i Giovani dai Riti dei Week End.

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca…

25/05/2020     h.12.30