Al via Sardinia H2 Culture: a Cagliari tre giorni di cultura hip hop e arte di strada

12 Dicembre 2017 0 Di ItaliaNotizie24

Cagliari, dal 16 al 18 dicembre tre giorni di cultura Hip Hop e arte di strada con l’evento Sardinia H2 Culture organizzato da Myself Music.

Cagliari, al via la tre giorni Sardinia H2 Culture

 

A Cagliari tre intensi giorni dedicati alla cultura hip hop e all’arte di strada grazie a Sardinia H2 Culture, l’evento che prende il via venerdì 16 dicembre e prosegue fino a domenica 18. A promuovere l’evento l’associazione Myself Music, presieduta dal noto artista cagliaritano Dj Key D., al secolo Davide Spano, che sulla passione per la black music ha costruito una carriera artistica che lo ha portato a partecipare ai più importanti eventi rap hip hop non solo in Sardegna, ma anche nelle capitali turistiche europee come Barcellona, Ibiza e Londra.

Dj Key D., al secolo Davide Spano, il rapper che con l'associazione My Music ha promosso il festival Sardinia H2 Culture.

Dj Key D., al secolo Davide Spano, il rapper che con l’associazione My Music ha promosso il festival Sardinia H2 Culture (ph. Safety Photo)..

E proprio dalla trasformazione della passione e del lavoro in arte nasce il progetto Sardinia H2 Culture, una rassegna ideata per promuovere la cultura e l’arte di strada con i suoi valori, soprattutto tra i ragazzi.

Tanti gli ingredienti che renderanno appetibile ed imperdibile la tre giorni di Sardinia H2 Culture: esibizioni, contest, convegni, musica, battle di street dance e freestyle, laboratori dedicati alle espressioni contemporanee della cultura urbana. Per tutti, l’unico comune denominatore sarà il coinvolgimento dei giovani e in particolare di quelli che vivono in zone svantaggiate o di grave precarietà sociale ed economica, abbracciandoli in un progetto dal basso che aiuta a riscoprire i valori come rispetto e uguaglianza e dare loro la motivazione per percorrere percorsi di crescita virtuosi.

Si parte la mattina di venerdì 15 dicembre all’Istituto professionale Sandro Pertini con l’evento Street Art Sardinia, un progetto contro la dispersione scolastica realizzato in collaborazione con l’Associazione Elèt Eventi, che mira a coinvolgere gli studenti attraverso laboratori di musica e ballo. Musica e arte sono infatti potenti strumenti per contrastare l’emarginazione, la rassegnazione e la paura. Per questo, durante la mattinata, si succederanno esibizioni, lezioni dimostrative di djing e breaking, che sono le arti più conosciute della cultura hip hop.

Il rapper Jack The Smoker, che parteciperà al Sardinia H2 Culture sabato 17 dicembre a Cagliari.

Il rapper Jack The Smoker, che parteciperà al Sardinia H2 Culture sabato 17 dicembre a Cagliari.

Si entra nel vivo della rassegna sabato 16 dicembre con l’evento H2 culture. Sul palco del club Jko si esibiranno artisti di fama nazionale del calibro di Jack The Smoker (nella foto), rapper e produttore musicale milanese. Non mancheranno nomi noti del panorama regionale. Ma si darà spazio anche alle figure emergenti sarde che potranno salire sul palco e misurarsi con gli ospiti presenti in un ring di battle hip hop di breakdance e freestyle. Parteciperanno inoltre gruppi folk rap che eseguiranno brani musicali in lingua sarda. A fare da cornice all’evento stand di prodotti enogastronomici streetfood, fingerfood biologico realizzato con prodotti coltivati in Sardegna ed esposizioni di artigianato artistico sardo. Appuntamento al Jko a partire dalle 18.

Ciliegina sulla torta, l’evento di chiusura domenica 17 dicembre all’Ex Manifattura Tabacchi con la Floor Wars Sardinia, tappa regionale dell’evento internazionale dell’arte del ballo, in particolare della break dance. I partecipanti si sfideranno di fronte a una giuria di ballerini esperti superando fasi eliminatorie sempre più impegnative, fino ad arrivare alla finale che decreterà il vincitore della tappa sarda. Il premio sarà l’inserimento nei Top 16 italiani che darà la possibilità di accedere alle finali europee in programma in Danimarca nel 2018. Durante la giornata verranno organizzati stage formativi ai quali si potrà partecipare tramite iscrizione.

Quello che si terrà a Cagliari si preannuncia dunque come un festival diffuso, che coinvolgerà la città attivamente invitandola a scoprire più da vicino l’affascinante mondo della Street culture in tutte le sue declinazioni. Da non perdere.