Assemblea del Pd, al Lingotto Madonnina Etruria conquista la scena del vuoto assoluto

Assemblea del Pd, al Lingotto Madonnina Etruria conquista la scena del vuoto assoluto

11 Marzo 2017 0 Di Marino Marquardt

All’assemblea del Pd in corso al Lingotto anche Madonnina Etruria, Maria Elena Boschi, ha la sua passerella. E ripete il vuoto bla bla dell’ex Capo Scout.

 

Assemblea del Pd, passerella per Madonnina Etruria

Algida, eburnea e un po’ soufflé, l’ouverture di Matteuccio al Lingotto l’ha vista in differita.

“Ero impegnata in Consiglio dei ministri ma l’ho visto in differita”,

conferma infatti Madonnina Etruria, ieri a Roma ed oggi a Torino.

Anche a lei è riservata una passerella sul palco del Lingottonella seconda giornata di Assemblea del Pd.

Un bla bla bla non dissimile da quello pronunciato dall’ex Capo Scout di Rignano sull’Arno: timbro vocale e tonalità riportano alla mente la Pia di Troisi nel film “Non ci resta che piangere”, quella che – alle prese con una palla – ripeteva all’infinito “bisogna provare, provare provare”.

Uscita per qualche ora dal cono d’ombra in cui l’avevano risucchiata la vicenda Banca Etruria e la bocciatura della “sua” Riforma Costituzionale, la Bella di Palazzo Chigi ha calamitato l’attenzione della genuflessa platea e dei mass media a corto di spunti.

Niente di nuovo sotto il sole, soliti proclami e sbandierata voglia di rivincita nelle sue parole.

Anche lei come Matteuccio vuole “ripartire”, per fare cosa agli umani non è dato sapere.

Ha rappresentato il clou della seconda giornata del meeting renziano all’insegna di aria fritta e di totale assenza di contenuti politici.

Certamente più interessante la proposta di “Campo Progressista” illustrata a Roma da Giuliano Pisapia con tanto di aut aut all’ex premier:

“Decida da quale parte stare”.

Per domani – domenica – annunciato l’ennesimo diluvio verbale conclusivo del Giovane Parolaio.