Corte suprema, Trump sceglie il giudice che non piace ai Dem

Corte suprema, Trump sceglie il giudice che non piace ai Dem

01 Febbraio 2017 0 Di Pietro Nigro

Donald Trump ha scelto Neil Gorsuch per il seggio libero nella Corte suprema: giudice molto giovane e conservatore, piace a meta degli elettori e non all’establishment.

Trump sceglie il giudice Gorsuch per la Corte suprema

Un giudice di netto orientamento conservatore, vicino ai Repubblicani, figlio di una stretta collaboratrice di Ronald Reagan, attualmente in forza alla Corte d’appello federale di Denver dove è stato nominato da George W. Bush. E per giunta molto giovane, appena 49enne. Il che per un incarico a vita significa molto. Poi, sembra anche godere del favore aperto di molti personaggi influenti dell’entourage di Trump, dal vice presidente Mike Pence, al consulente della Casa Bianca Don McGahn, dal capo di stato maggiore Reince Priebus allo stratega di Trump Steve Bannon. E per finire, riporterebbe i Conservatori in maggioranza all’interno della Corte suprema.

Insomma, ce n’è quanto basta perché all’establishment Democratico non piaccia Neil Gorsuch, il giudice della Corte d’appello di Denver che Donad Trump ha scelto per il seggio nella Corte suprema degli Stati Uniti rimasto vacante dopo la morte di Antonin Scalìa. Giudice che invece sembra piacere ad almeno metà degli elettori americani, e che è riuscito addirittura a ricompattare perfino le frange repubblicane più ostili a Trump.

 

Gorsuch non piace ai Democratici

Nativo del Colorado, laureatosi ad Harward più o meno negli stesi anni di Barack Obama, Gorsuch per la verità non ha ancora ottenuto la nomina, perché la sua indicazione deve essere convalidata dal Senato, che potrebbe anche rifiutarlo. Il precedente non manca, visto che appena un anno fa il giudice indicato da Barack Obama, Merrick Garland, è stato silurato proprio dall’ostilità dei Repubblicani. Questa volta, sono invece i Democratici ad aver dichiarato guerra al giudice che piace invece ai Repubblicani e che hanno scatenato subito ogni genere di polemica contro di lui.

 

Se fosse confermato, Gorsuch sarebbe il più giovane giudice della Corte suprema che si ricordi da almeno 25 anni a questa parte. Il che gli darebbe la possibilità di influire sugli orientamenti del massimo tribunale americano per parecchi anni a venire.

Gorsuch. infatti, è noto per essere un valido giudice ed una mente raffinata, ma anche per aver preso apertamente posizione contro l’eutanasia, e contro il suicidio assistito. Insomma un conservatore, dalle posizioni molto simili a quelle del suo predecessore Scalìa.

Tra l’altro, negli Usa si è notato che la scelta di Gorsuch rompe anche un’altra tendenza, perché questa volta si è scelto un uomo che viene dall’ovest, dal Colorado, e non uno della East coast, come la maggior parte dei giudici scelti negli ultimi anni. Insomma, uno che viene da posti dove ancora si allevano, e si usano, i cavalli, potremmo dire un campagnolo e non uno di città.

Ma i Democratici, al Senato, sono in minoranza, mentre ai Repubblicani, tutti i Repubblicani, Gorsuch piace, e molto, come piace, rivelano i sondaggi, ad almeno metà degli elettori. Per questo, la campagna dei Democratici contro di lui non dovrebbe ostacolare il suo prossimo ingresso nella Suprema corte.