Da oggi in stand by. Le jacovelle e le putecarelle tra M5s e Lega le commentino altri…

Da oggi in stand by. Le jacovelle e le putecarelle tra M5s e Lega le commentino altri…

24 Aprile 2019 0 Di Marino Marquardt

Avviso ai naviganti… Comunicazione di servizio agli amici: da oggi sono in stand by! Mi rifiuto infatti di commentare le quotidiane jacovelle e putecarelle (per i non napoletani: questioni di bottega, tira e molla propagandistici) tra Quaquaraquà travestiti da leader politici.

I ruggiti circensi e i ringhii da chihuahua offendono l’intelligenza del Paese!

Non è seria la rappresentazione dell’attività politica e di governo che stano offrendo Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

I rispettivi ruggiti circensi e ringhii da tremante chihuahua offendono l’intelligenza collettiva del Paese.

Non se ne può più!

Tra dispetti e clownerie, i Due si provocano, si sfidano, si minacciano… Ma si guardano bene dall’agire di conseguenza come sarebbe lecito attendersi se i Litiganti fossero persone serie.

Niente a che vedere col postulato “Politica Arte del Possibile” fondato su intese di Alto Profilo. Ricordate il dialogo Moro-Berlinguer? Altra pasta…

A proposito dell’indimenticabile ultimo vero leader del Pci, Di Maio – ospite di Gianni Floris –  ne ha citato il nome facendo riferimento alla “Questione morale”. Un replay dell’invito rivolto da Gianroberto Casaleggio a una gremitissima Piazza San Giovanni in occasione della chiusura della campagna elettorale 2013.

Una citazione stonata, questa di Di Maio. Berlinguer non avrebbe mai condiviso  la posizione sui migranti né avrebbe votato per sottrarre alla Giustizia un proprio alleato.

Il mischiare la lana con la seta è del resto vizio antico dalle nostre parti…

Questi (Di Maio e Salvini) litigano e poi si accordano sulla base di bassi interessi di Bottega e non su progetti di Alto Profilo.

Detto ciò, le capriole di Di Maio e i toni arroganti e sprezzanti di Salvini non sono più metabolizzabili da quanti ragionano con la propria testa e si tengono lontani dai Circhi Mediatici. Il troppo è troppo!

Ps. Di fronte alla inadeguatezza politica e istituzionale dei Due, di fronte alla mancanza di alternativa all’attuale quadro politico, fa rabbia il dover prendere atto della presenza di un Pd ancora senza volto e contagiato dalla vocazione centrista di Carlo Calenda, un “pacco” – quest’ultimo – spedito al Nazareno da chissà chi… Non si è ancora visto, insomma, l’effetto-Zingaretti. Effetto in cui molti speravano. E la politica è in un cul de sac…

24/04/2019    h.12.45