Festa viola al Franchi, Juve battuta e ora il campionato è più bello

Festa viola al Franchi, Juve battuta e ora il campionato è più bello

15 Gennaio 2017 0 Di Marco Martone

LA FIORENTINA COSTRINGE I BIANCONERI ALLA QUARTA SCONFITTA STAGIONALE. ORA ROMA E NAPOLI PIU’ VICINE

La Juventus si ferma a Firenze, campo tradizionalmente ostico per la società bianconera. Le inseguitrici, invece, non perdono un colpo e allora ecco che il campionato ritrova linfa vitale e maggiore interesse, per una corsa al titolo che potrebbe non essere così scontata come sembra. Al Franchi i Viola impongono il loro gioco e dettano legge contro una squadra che non sempre, evidentemente, può reggersi sulle giocate dei suoi fuoriclasse. Questa volta, infatti, l’ennesima rete del Pipita Higuain non è bastata a capovolgere il doppio svantaggio accusato grazie alle reti di Kalinic e Badelij.

Festa grande a Firenze, anche per l’ex premier Matteo Renzi, in tribuna a seguire la gara e festa grande anche per le rivali dei bianconeri, a cominciare dalla Roma che ancora una volta ottiene il massimo risultato (1-0 sul campo dell’Udinese), con il minimo sforzo. La rete di Nainggolan decide una gara non bella, nella quale i giallorossi si sono fatti notare anche per i clamorosi errori sotto rete di Dzeko. Adesso la squadra di Spalletti è a un punto dalla Juve capolista, che però ha una gara in meno.

Non molla neanche il Napoli che, nel giorno in cui Maradona fa il suo ritorno in città, porta a casa l’ennesima goleada (3-1) contro il modesto Pescara di Oddo. Primo tempo con qualche sofferenza per gli uomini di Sarri, poi nella ripresa le reti di Tonelli, Hamsik e del solito Mertens, chiudono la pratica, prima dell’inutile rigore di Caprari. La lotta alle zone Champions si fa interessante anche grazie ai successi di Lazio (2-1) sull’Atalanta e Inter (2-1 al Chievo). Nell’attesa della gara del Milan, impegnato a Torino contro i granata, sono queste le compagini più in forma del torneo.

La giornata si è completata con le vittorie larghe di Cagliari e Sassuolo (4-1) su Genoa e Palermo e il successo di misura del Bologna sul campo del Crotone. Reti bianche infine tra Sampdoria ed Empoli. Situazione critica per Crotone, Palermo e Pescara che, a metà campionato, sembrano già condannate alla serie B.