Immigrati, ecco la fotografia dell’Europa

Immigrati, ecco la fotografia dell’Europa

18 Dicembre 2015 0 Di Pietro Nigro

Sono il 7% della popolazione europea, circa 34 milioni, in parte provenienti da altri Paesi Ue e in parte extracomunitari. Ecco l’immigrazione fotografata nei dati Eurostat.

Immigrati, meno del 7% della popolazione Ue

Immigrati Europa Eu Refugees Fund

In Europa il 7% della popolazione è composta da immigrati

I cittadini immigrati, in Europa, sono meno del 7% della popolazione residente, e di questi il 40% è immigrato da un altro Paese membro. In totale, su 506,8 milioni di residenti, 472,8milioni sono “nazionali” e 34,1 milioni sono stranieri, di cui 14,3 milioni sono comunque europei e 19,8 milioni gli extra comunitari.

A scattare la fotografia dell’Europa e della sua composizione, in occasione della Giornata internazionale dei migranti, è Eurostat, che ha elaborato i dati dei 28 Paesi Ue al primo gennaio 2014.

Ebbene, dai dati emerge che agli estremi opposti della graduatoria per presenza di immigrazione straniera in ciascun Paese ci sono il Lussemburgo, con il 45,3%, e la Polonia (0,3%) .

In particolare, registrano presenze superiori al 10% i seguenti Paesi:

  • Cipro (19,5%),
  • Lettonia (15,2%),
  • Estonia (14,9%),
  • Austria (12,5%),
  • Irlanda (11,8%),
  • Belgio (11,3%),
  • Spagna (10,1%).

Al contrario, Insieme alla Polonia, riportano meno dell’1% di stranieri anche questi Paesi:

  • Romania (0,4%),
  • Croazia, Lituania e Bulgaria (tutte allo 0,8%)

In totale, insomma, i cittadini immigrati nei Paesi dell’Ue sono il 6,7% della popolazione residente.

Inoltre, in tredici degli Stati membri, secondo Eurostat, gli immigrati “extra comunitari” sono più che gli stranieri “comunitari”, in altri dieci Paesi la situazione è più equilibrata, con le due componenti comprese tra il 40 e il 60%.

Belgio, Irlanda, Cipro, Lussemburgo e Slovacchia sono invece i cinque Stati membri in cui gli immigrati “extracomunitari” sono sensibilmente meno numerosi degli stranieri “comunitari”.

In totale, nell’intera Ue, i cittadini non europei, che son pari a 19,8 milioni di persone, rappresentano il 58% del totale della popolazione immigrata, mentre i cittadini europei residenti in un altro Paese Ue, 14,3 milioni di persone, rappresentano l’altro 42%.

Differenze nella presenza di stranieri

Se si guarda alla composizione delle presenze straniere, si individuano ben 50 diverse nazionalità tra le 5 più presenti in ciascun Paese Ue, segno che la diversità è certo la nota dominante, anche se il gruppo più numeroso in ciascun Paese è sempre rappresentato da immigrati da un altro Paese Ue o da un Paese confinante.
Tra gli Europei, i polacchi sono tra i cinque maggiori gruppi di immigrati in 10 Stati membri, i tedeschi in 9 e gli Italiani e i Romeni in 8. Tra gli “extra comunitari”, gli Ucraini sono i più numerosi in 9 Stati membri, seguiti da Turchi e Russi (7 Paesi).

 

Il database completo è disponibile sul sito Eurostat alla sezione delle statistiche sulla popolazione.