Psicodramma Cinquestelle. Dopo il “SalvaSalvini” ecco il “SalvaDiMaio”…

Psicodramma Cinquestelle. Dopo il “SalvaSalvini” ecco il “SalvaDiMaio”…

29 Maggio 2019 0 Di Marino Marquardt

Dal SalvaSalvini al SalvaDiMaio. Nel M5s da domenica scorsa è psicodramma continuo. Intanto è partito l’ordine di scuderia: saranno ancora una volta i clic degli iscritti sulla Piattaforma Rousseau a decidere le sorti e il futuro politico di un leader. Dopo aver salvato il Capo della Lega dal processo per sequestro di persona, questa volta – vedrete – i beoti delle tastiere salveranno Luigi Di Maio in ossequio ai desiderata della Casaleggio Associati. E in ossequio all’invito del Garante Beppe Grillo.

Sarà la piattaforma Rousseau a decidere la sorte del Capo politico

 

Con i clic gli obbedienti tifosi esprimeranno fiducia al tumefatto Giovane Capo. Così come prescritto dal Comico genovese e dal Guru della discutibile Piattaforma. E ciò sarà una ennesima dimostrazione di debolezza da parte di un soggetto politico privo di identità e senza spina dorsale.

Probabilmente il salvataggio telecomandato di Di Maio rappresenterà – SalvaSalvini permettendo – la più brutta pagina della fino ad oggi breve storia del M5s.

Una figuraccia da parte di Luigi Di Maio che non ha avuto la forza di dimettersi all’istante di fronte alla pesantissima sconfitta del Movimento da Lui guidato, una figuraccia da parte del Garante Beppe Grillo lontano dal giocattolo da lui stesso creato e ormai distante dalle scelte di quanti stanno usando il balocco, una figuraccia per i Signorsì che non mancano mai all’interno dei soggetti politici.

Stasera si pronunceranno gli eletti, domani toccherà ai tifosi della piattaforma. Salvo sorprese il finale è già scritto. Un finale tristissimo all’interno di una forza politica che prometteva di scacciare i mercanti dal tempio.

Bruciati milioni di voti sull’altare dell’inesperienza e della scarsa intelligenza politica, ora il M5s rischia di implodere. O di dissolversi come certi ectoplasmi.

Tra gli eletti Cinquestelle potrebbe scattare l’ora del “liberi tutti”, potrebbe prendere corpo la fronda dei malpancisti, potrebbe irrompere il tempo della disobbedienza da parte di quanti sono consapevoli di non avere chances di una rielezione, potrebbe manifestarsi in maniera forte la tentazione di tesaurizzare gli stipendi e di non versare più parte di essi nelle casse della Casaleggio Associati…

Scene da cupio dissolvi nell’ultimo piovoso mercoledì di maggio. E la giornata non è ancora finita…

29/05/2019  h.17.00