Salvini: “Aprite le Chiese per invocare la protezione del Cuore Immacolato di Maria”. C’ha da fa pe campà…

Salvini: “Aprite le Chiese per invocare la protezione del Cuore Immacolato di Maria”. C’ha da fa pe campà…

05 Aprile 2020 0 Di Marino Marquardt

Non è colpa sua, il Ragazzo è fatto così. Prendere o lasciare, non ti curar di Lui – verrebbe dantescamente da dire – ma guarda e passa.

Dopo avere invano invocato i Pieni Poteri sotto il sole del Papeete, ora forse ambisce al Soglio Pontificio. Chissà…

Fatto sta che a ciò che non ha pensato Papa Francesco ora sta pensando Lui, l’ineffabile Capo Politico e Religioso della Lega, strenuo difensore del Valori Cattolici contro i Disvalori dei Neri Africani e dei Bianchi Mediorentali.

Accade mentre le Aziende Agricole soffrono la carenza di braccia votate allo sfruttamento e al precariato e accade mentre i Produttori temono che i frutti della terra quest’anno finiscano a Buone Donne (l’espressione apparentemente maschilista è usata per rendere più esplicita l’idea dello scenario che si profila nei campi Ndr)

Scavalca Bergoglio – l’ex Ministro dell’Interno – e papale papale afferma che per Pasqua occorre riaprire le Chiese. Toglietegli tutto – insomma – ma non il Precetto Pasquale. E’ un ritorno di fiamma verso la Religione – il Suo – dopo i silenzi e le mancate ostensioni di simboli sacri registrate negli ultimi mesi. Un ritorno di fiamma i cui prodromi si erano peraltro registrati giorni fa con il Requiem recitato in diretta Tv all’unisono con Barbara D’Urso.

Matteo Salvini vuole che vengano riaperti i Luoghi di Culto per poter invocare la protezione del Cuore Immacolato di Maria.

Si affollino le Chiese, si affolli Piazza San Pietro, caldeggia il Leghista.

E poco importa se l’Esortazione costituisce uno schiaffo ai precetti degli studiosi; e poco importa se l’Invito simboleggia uno sberleffo a quanti si stanno sottoponendo a forzata quarantena domestica; e poco importa se l’auspicio si traduce in un oltraggio verso quanti stanno combattendo contro la Mancanza di Respiro; e poco importa se la proposta rappresenta uno sfregio a Medici, Infermieri e Volontari che da settimane si prodigano senza soluzione di continuità contro l’Epidemia; e poco importa se la sollecitazione si traduce in una pugnalata al buonsenso e all’intelligenza.

Lui è fatto così, è lo Stesso che si disorienta tra Sacro e Profano, è lo Stesso che si smarrisce tra Prosciutti e Rosari, è lo Stesso che usa la Religione per fini Propagandistici. Non a caso è l’Idolo della Pancia Putrida del Paese…

Costui sognava – e sogna tuttora – di governare l’Italia. Grazie al Saggio Sergio Mattarella, a Giuseppe Conte e alla sofferta intesa tra M5s e Pd il Paese ha scansato un Grande Pericolo.

Riflettete, riflettete gente. E’ il giorno giusto – questo – per farlo. E’ la Domenica orfana degli scambi di Ramoscelli d’Ulivo ed è la Ennesima Domenica a motori spenti. E’ uno di quei giorni giusti per pensare. Non perdete l’occasione…

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di potermi esprimere in prima persona su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui le opinioni del sottoscritto talvolta non appariranno coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.

05/04/2020    h.05.30